Live Sicilia

Cronaca

Blitz contro i clan, 55 arresti nel Siracusano


Articolo letto 29.090 volte

VOTA
1/5
2 voti

arrestati, avola, blitz, clan, operazione antimafia, operazione nemesi, Polizia di Stato, siracusa, unità cinofile, Cronaca
Gli agenti della Polizia di Stato della Questura di Siracusa hanno eseguito 55 ordini di custodia cautelare, di cui 54 in carcere e uno ai domiciliari, disposti dal gip del Tribunale di Catania su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia etnea.

L'operazione, denominata "Nemesi", coinvolge l'intero territorio a sud di Siracusa, principalmente Avola, ma anche Floridia e il capoluogo aretuseo. Alcuni arresti sono stati eseguiti anche in Lombardia e nelle Marche. Per l'esecuzione dell'operazione sono impegnati sul territorio oltre 300 uomini della Polizia di Stato che si avvalgono dell'apporto di unita' cinofile e di elicotteri.
I provvedimenti eseguiti stamani derivano dalle indagini condotte dagli uomini del Commissariato di Avola dal novembre 2004. Agli arrestati vengono contestati i reati di associazione di tipo mafioso finalizzata alle estorsioni, all'illecita concorrenza mediante violenza o minaccia, al traffico di cocaina, hashish e marijuana, alla gestione di bische clandestine, ma anche sequestro di persona, tentato omicidio e porto di pistole, rivoltelle ed esplosivi. Dalle indagini è emerso inoltre che alcuni degli arrestati avevano un ruolo di vertice all'interno del clan mafioso "Trigila", che storicamente opera nella zona sud della provincia di Siracusa e che fa parte del piu' vasto cartello criminale "Aparo-Nardo-Trigila", legato con Cosa Nostra catanese.
Le indagini, hanno permesso agli investigatori di ricostruire gran parte delle vicissitudini criminali dell'ultimo quinquennio, fornendo uno spaccato dell'attuale articolazione organica del clan e dei compiti svolti da ogni affiliato. Sono, infatti, oltre cento i denunciati nell'ambito delle indagini.
L'organizzazione mafiosa, secondo gli inquirenti, "dimostrava una consolidata e collaudata capacita' impositiva che le consentiva di perseguire gli illeciti esercitando monopolisticamente un capillare e incisivo potere di gestione e controllo su svariate forme di attivita' produttive di reddito". Gli arrestati operavano nell'organizzazione e conduzione del gioco d'azzardo in bische clandestine nei territori di Avola, Pachino, Portopalo di Capopassero e Rosolini; avrebbero messo in atto estorsioni ai danni dei titolari di esercizi pubblici e commerciali di Avola per ottenere la forzosa installazione di apparecchiature da gioco in potere del clan. Tra le attivita' degli arrestati, secondo l'accusa, anche estorsioni a danno di titolari di imprese edili e di raccolta rifiuti ubani di Avola; estorsioni sui servizi cimiteriali e sull'attivita' svolta dalle imprese d'onoranze funebri di Avola, Noto e Floridia. E ancora, un vasto traffico di sostanze stupefacenti, svolto tra Avola, Pachino, Floridia, Rosolini, Ispica e Cassibile di Siracusa, i cui rifornimenti venivano, prevalentemente, assicurati attraverso fonti di riferimento insistenti sia nel Siracusano sia nel Palermitano, oltre che nel nord Italia e in Marocco.

GLI ARRESTATI. Le persone raggiunte dall'ordinanza di custodia cautelare nell'ambito dell'operazione antimafia "Nemesi" della questura di Siracusa sono: Waldker Albergo, detto "Rino", 46 anni di Noto; Francesco Alota, detto "mago Francois" 62 anni, di Avola; Alberto Amato, 39 anni, di Avola, incensurato; Angelo Assenza, 33 anni, di Floridia, incensurato; Gianni Battaglia, 29 anni, di Avola; Paolo Battaglia, 33 anni, di Avola; Vincenzo Busa', detto "Enzo fumino" 29 anni, incensurato, di Avola; Innocenzo Buscemi, detto "Inno", 28 anni, di Avola; Antonino Campisi, detto "Toninu u scoppiu", 41 anni, di Avola, gia' in carcere; Massimo Campisi, 35 anni, di Avola, incensurato; Sebastiano Campisi, 28 anni, di Avola; Carmelo Cancilla, alias "Carmelo Minnala'", 55 anni, di Siracusa; Giuseppe Cancilla, alias "Peppe Minnala'", 36 anni, di Avola; Giuseppe Canfora, 29 anni, di Siracusa, incensurato; Luca Canfora, 26 anni, di Siracusa; Natale Carbe', 31 anni, di Avola; Antonino Caruso, detto "Turi u pitturi", 41 anni, di Avola, incensurato; Sebastiano Caruso, detto "Iano ra chiesa", 31 anni, di Avola; Corrado Casella, 30 anni, di Avola; Agostino Casto, 26 anni, di Avola; Sebastiano Catania, detto "Iano ra muntagna" e "Iano cientu capiddi", 56 anni, di Avola; Salvatore Celesti, detto "Motto lieto", 29 anni di Siracusa; Fabrizio Cianchino, detto "Fabio", 33 anni, di Avola; Sebastiano Costa, detto "Masuddu", 23 anni, di Avola; Michele Crapula, 43 anni, di Avola; Marco Di Pietro, alias "Marco Motta", 30 anni, di Avola; Antonino Di Stefano, detto "Ianu ra vedova" 41 anni, di Avola; Rita Falco, detta "Timpaliscia", 41 anni, di Pachino; Corrado Ferlisi, detto "Currau m'arrabbiu", 28 anni, di Avola, gia' in carcere, Salvatore Giamblanco, 30 anni, di Avola, incensurato; Paolo Golino, 46 anni, di Avola; Michele Grienti, detto "Michele a crapa", 31 anni, di Avola; Gabriele Li Gioi, 26 anni, di Avola; Gioele Li Gioi, 28 anni, di Avola; Gianpaolo Liggieri, 41 anni, di Avola; Carmelo Lo Giudice, 38 anni, di Floridia, gia' in carcere; Aurelio Magro, 64 anni, di Avola; Simone Manenti, 27 anni, di Noto; Massimo Marsilla, 35 anni, di Noto; Concetto Mauceri, detto "Concito", 27 anni, di Avola; Rosario Meli, 25 anni, di Rosolini; Hamid Mohib, 36 anni, originario del Marocco, residente a Siracusa; Bruno Monti, 33 anni, di Rosolini; Corrado Morana, detto "U saravagghiu", 35 anni, di Pachino; Salvatore Parisi, 27 anni, di Avola; Giuseppe Peluso, 22 anni, di Avola, incensurato; Antonio Piccione, 24 anni, di Avola; Luigi Puglisi, 32 anni, detto "Carmelo", di Rosolini; Piero Puglisi, 32 anni, di Rosolini; Biagio Sesta, detto "Biasi", 38 anni, di Noto; Corrado Tuccitto, 24 anni, di Avola; Paolo Vaccarella, detto "U pipiddu", 28 anni, di Avola; Michele Vaccarisi, 45 anni, di Avola; Antonino Zagarella Di Rosa, detto "Ziu Ninu", 67 anni; Paolo Zuppardo, 32 anni, di Avola.

Sei delle persone colpite dal provvedimento restrittivo sono attivamente ricercate.