Live Sicilia

Agenda 2000

Per le aziende agricole
in arrivo altri 24 milioni


Articolo letto 510 volte

VOTA
0/5
0 voti

agenda 2000, assessorato agricoltura, aziende agricole, bando, giovanni la via, giuseppe morale, impianti, Economia
Ventiquattro milioni e mezzo di euro in piu' per le aziende agricole siciliane. Arriva cosi' a 54,5 milioni la dotazione finanziaria della misura 4.09 ("Miglioramento delle condizioni di trasformazione e commercializzazione") di Agenda 2000, gestita dall'assessorato regionale all'Agricoltura. "Per creare maggiori opportunita' di sviluppo nel settore agroindustriale siciliano - afferma l'assessore Giovanni La Via - abbiamo individuato ulteriori risorse finanziarie rispetto alla dotazione di 30 milioni, inizialmente prevista nel bando del 2005. Si tratta di somme aggiuntive derivanti da risorse liberate grazie alle quali contiamo, in questo modo, di poter finanziare almeno 34 progetti". Le azioni previste dalla misura prevedono la realizzazione, l'ammodernamento e il potenziamento di impianti per la lavorazione, la trasformazione, il confezionamento e la commercializzazione dei prodotti agricoli e zootecnici. "Considerato che gli interventi previsti sono caratterizzati da particolare complessita' sia in termini economici, sia in nei tempi di realizzazione e che, comunque, bisogna utilizzare le risorse entro il 31 dicembre prossimo, - spiega il dirigente generale del dipartimento Interventi strutturali dell'assessorato, Giuseppe Morale - abbiamo predisposto un'adeguata procedura operativa per consentire una migliore utilizzazione dei fondi disponibili". I lavori dovranno essere realizzati entro un anno dalla data di notifica del provvedimento di concessione del contributo. Entro il 31 ottobre, inoltre, la ditta beneficiaria del contributo e' obbligata a presentare la richiesta per uno stato di avanzamento lavori pari almeno al 45% dell'investimento approvato. Qualora la suddetta richiesta non venga presentata, l'amministrazione potra' procedere alla revoca del finanziamento concesso e al conseguente recupero delle somme eventualmente erogate a titolo di anticipazione.