Live Sicilia

Cronaca

Rapina banca a Cerda
incastrato dal suo naso


Articolo letto 1.006 volte

VOTA
0/5
0 voti

banco di sicilia, cerda, complice, custodia cautelare, filiale, polizia, rapina, Squadra Mobile, Cronaca
Come Cyrano De Bergerac, Rosario Perugia, 44 anni di Palermo, ha un naso 'importante' e proprio grazie a questo particolare è stato incastrato dalla sezione antirapina della squadra mobile di Palermo, per un colpo a una banca a Cerda (Pa).

Il 20 febbraio scorso due uomini sono entrati della filiale di Cerda del Banco di Sicilia, si sono diretti verso il direttore dell'agenzia e lo hanno costretto ad aprire la cassaforte, minacciando i presenti con una pistola. Il bottino è stato di 10.500 euro ma Perugia, che sarebbe uno dei due uomini, non ha preso alcuna precauzione per non farsi riconoscere, escluso un berretto di lana che portava sul capo. A tradirlo, di fronte agli occhi delle telecamere, il suo naso pronunciato che ha reso possibile alla polizia la sua identificazione, grazie anche alle testimonianze dei clienti presenti in banca.
Secondo le forze dell'ordine Perugia è un habitué delle rapine in trasferta. Già nel 2002 veniva tratto in arresto per una rapina commessa a Enna. A quel punto gli agenti hanno studiato le frequentazioni e le abitudini di Perugia fino a bloccarlo, ieri sera, nei pressi di piazza Indipendenza, a Palermo. L'ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata firmata dal gip del tribunale di Termini Imerese, Roberto Riggio, su richiesta del pm Ilaria De Somma. Presto potrebbe essere riconosciuto anche il complice di Perugia.