Live Sicilia

Caccia

Varato il calendario venatorio.
Si spara dall'1 settembre.
Tutelate diverse specie, ecco il dettaglio.
La Lav: "Regalo alle doppiette"


Articolo letto 715 volte

VOTA
0/5
0 voti

caccia, gazzetta ufficiale, giovanni la via, lav, sicilia, stagione, Politica
L'assessore all'Agricoltura della Regione Siciliana, Giovanni La Via, ha firmato il decreto che regolamenta la caccia in Sicilia per la stagione 2008/2009. La stagione venatoria iniziera' l'1 settembre per terminare il 31 gennaio.
Per quanto riguarda le Zps, le Zone di protezione speciale, invece, si applicano i criteri stabiliti del decreto del ministero dell'Ambiente del 17 ottobre 2007 e pubblicato sulla Gazzetta ufficiale 258 del 6 novembre 2007.
"Abbiamo ascoltato - spiega l'assessore La Via - le istanze di tutte le associazioni, accogliendo anche alcune proposte per la tutela di diverse specie. Penso che abbiamo raggiunto un buon compromesso, che rappresenta la sintesi delle varie parti in causa".
All'inizio, comunque, sara' consentito sparare solamente ad alcune specie. Il decreto dell'assessore, infatti, pur anticipando l'apertura al primo settembre, pone delle limitazioni. Si potranno cacciare solamente: conigli selvatici, tortore e merli (fino all'11 dicembre), e colombacci (fino all'11 gennaio). Dal 14 settembre (fino al 16 novembre), invece, si potra' sparare anche alle quaglie.
Dal 21 settembre via libera anche per tutta una serie di uccelli (alzavola, beccaccino, canapiglia, cesena, codone fischione, folaga, gallinella d'acqua, gazza, germano reale, ghiandaia, mestolone, moretta, moriglione, pavoncella, tordo bottaccio, tordo sassello) e mammiferi (volpe). Il fagiano potra' essere cacciato solo nelle aziende faunistico-venatorie e agro-venatorie.
 

Nell'ambito territoriale di caccia Trapani 2 (che comprende i comuni di Campobello di Mazara, Castelvetrano, Gibellina, Marsala, Mazara del Vallo, Partanna, Petrosino, Poggioreale, Salaparuta, Salemi e Santa Ninfa) alcune specie di anatidi (alzavola, canapiglia, codone, fischione, germano reale, mestolone, moretta, moriglione) potranno essere cacciate solamente dall'1 novembre.
Per la lepre italica bisognera' aspettare il 13 ottobre (fino al 23 novembre), per l'allodola il 19 ottobre (fino al 31 dicembre), per beccaccia e cinghiale fino all'1 novembre. In particolare per la caccia al cinghiale in battuta, per la quale sara' emanato un apposito provvedimento entro l'1 ottobre, e' consentita solo un giorno a settimana (lunedi', mercoledi' o giovedi') e nel periodo dall'1 al 31 gennaio, in caso di ausilio di cani, sara' necessaria l'autorizzazione della ripartizione faunistico venatoria e ambientale competente per territorio.
La caccia sara' consentita solo nei giorni di sabato e domenica e, a scelta del cacciatore, lunedi', mercoledi' o giovedi'. Divieto assoluto di utilizzare i pallini di piombo in tutte le zone umide della Regione. Per quanto riguarda l'uso del furetto e' vietato in tutto il territorio delle province di Enna, Messina, Palermo, Ragusa e Siracusa, per la caccia al coniglio selvatico e' consentito l'uso, solo nel periodo dall'1 settembre all'11 dicembre, nelle province di Agrigento, Caltanissetta (ad esclusione del comune di Mazzarino), Catania (tranne nel comune di Mineo) e Trapani (con alcune limitazioni nella zona di Marsala).
Per tutta la stagione venatoria, ogni cacciatore potra' "sparare" al massimo per 28 giornate cosi' divise: 14 giornate (dall'1 settembre al 16 novembre) e 14 (dal 17 novembre al 31 gennaio 2009). Per ogni giornata il cacciatore non potra' abbattere piu' di 15 capi di selvaggina. I cacciatori residenti in Sicilia sono autorizzati a cacciare nell'ambito del territoriale di caccia di residenza e negli ambiti territoriali nei quali sono stati ammessi. Per la sola selvaggia migratoria la caccia e' ammessa in massimo 4 ambiti territoriali. Nelle isole di Favignana, Marettimo e Levanzo la caccia alla selvaggina migratoria sara' consentita, ai cacciatori non residenti, a partire dall'11 ottobre.
Il calendario venatorio individua 23 ambiti territoriali di caccia: 4 a Trapani, 3 ad Agrigento, Messina e Palermo, 2 a Caltanissetta, Catania, Enna, Ragusa e Siracusa.

La Lav: "Regalo alle doppiette". "Un ottimo regalo ai 53mila cacciatori siciliani, una micidiale condanna a morte per centinaia di migliaia di animali". La Lav commenta cosi' la firma, da parte dell'assessore regionale all'Agricoltura Giovanni La via, del decreto che regolamenta la caccia in Sicilia per la stagione 2008/2009.
Secondo Ennio Bonfanti, responsabile fauna della Lav Sicilia, "questo provvedimento rappresenta un aberrante attacco alla natura: basti solo pensare che, secondo il calendario assessoriale, ogni cacciatore potra' uccidere 15 animali al giorno, ovvero 795mila animali al giorno per l'insieme delle doppiette siciliane".
"Con la drammatica situazione ambientale in atto - prosegue Bonfanti - la Regione non ha avuto il buonsenso ne' di sospendere la caccia ne' di approvare quei correttivi alle norme regionali a tutela del patrimonio faunistico, come proposto dalla Lav da anni con continui appelli del tutto ignorati dall'assessore La Via, che ha anche cancellato quelle innovazioni positive introdotte a suo tempo dall'ex assessore Castiglione".
Secondo la Lav il calendario approvato oggi "e' figlio di norme troppo permissive.