Live Sicilia

Riconoscimenti

39mo Premio Brancati
Quest'anno ad Andrea Bajani


Articolo letto 1.203 volte

VOTA
0/5
0 voti

andrea bajani, auditorium zafferana, kermesse, premio brancati, Cultura e Spettacolo

Si rinnova anche quest’anno il tradizionale appuntamento con il premio letterario Brancati, giunto all’edizione numero 39. Sabato il prestigioso riconoscimento sarà consegnato ad Andrea Bajani, autore di “Se consideri le colpe” (Einaudi), un libro che riflette sui rapporti tra italiani e romeni con una storia d’amore a fare da sfondo. Massimo Onofri con “La ragione in contumacia”, edito da Donzelli, si è aggiudicato la sezione saggistica, mentre Franco Loi con “Voci d’osteria” (Mondadori), è il vincitore della sezione poesia.

La premiazione avverrà sabato 27, nell’auditorium di Zafferana, nel corso di una serata condotta da Serena Dandini, che segnerà il clou della manifestazione,  scandita da diversi appuntamenti a partire da domani, mercoledì 24: in programma convegni che indagano sul rapporto tra gli scrittori siciliani e la gastronomia.
Il premio letterario fu concepito alla fine degli anni Sessanta come ricorrenza annuale per ricordare lo scrittore - pachinese di nascita ma catanese d’adozione - Vitaliano Brancati, che a Zafferana, “la perla dell’Etna”, trascorreva la sua villeggiatura. In quasi 40 anni di storia sono diversi i nomi noti che hanno illustrato la kermesse. Basti pensare che la prima edizione, nel 1968, fu vinta da Elsa Morante col libro “Il mondo salvato dai ragazzini” pubblicato dalla casa editrice Einuadi, “incoronata” da Alberto Moravia, che allora presiedeva la giuria. A seguire, il premio fu assegnato, tra gli altri, a Ercole Patti, Josè Saramago, Aleksandr Solzenicyn, Jorge Amado, Dacia Maraini e Vincenzo Consolo.

di Clelia Coppone