Live Sicilia

Il progetto

Così rivive
la Catania dell'800


Articolo letto 791 volte

VOTA
0/5
0 voti

archivio di stato, Catania, feste, feste e spettacoli nella catania dell'ottocento, manifestazione, massimo bellini, storia, Cultura e Spettacolo
Con trenta teatri di prosa, il Massimo Bellini e il Nazionale votati alla lirica, l’avveniristico Sangiorgi (vero parco dei divertimenti ante-litteram), le decine di compagnie stabili filodrammatiche e gli oltre trentadue teatrini dell’Opera dei Pupi, Catania è stata per oltre un secolo una vera “capitale dello spettacolo” tanto da ospitare nell’arco di un anno, il 1889, le due più celebri dive dell’epoca: Sarah Bernhardt e Eleonora Duse.

La grande, e lunga, stagione del teatro a Catania – ma anche la storia delle sue feste religiose, civili e popolari – saranno l’argomento della manifestazione “Feste e spettacoli nella Catania dell’Ottocento” che a due giornate di studi (il 2 e 3 ottobre), affiancherà una mostra di documenti d’epoca nella sede dell’Archivio di Stato, una pubblicazione e un recital al Teatro Sangiorgi nel corso del quale saranno proposti alcuni testi inediti emersi durante la ricerca storica.

A promuovere l’iniziativa - sostenuta dalla Fondazione Banco di Sicilia e realizzata in collaborazione con l’Archivio di Stato (Ministero per i Beni e le Attività Culturali), il Teatro Massimo Bellini e il Museo Diocesano – due soci della Cooperativa Comedia: Maria Grazia Malagoli e Turi Giordano, un’archivista e un attore-regista (oltre che direttore artistico di Comedia) che, frutto di un’appassionata ricerca, oggi consegnano alla città un volume ricco di storia e di storie.