Live Sicilia

L'inchiesta

Infiltrazioni mafiose
nel Palermo calcio:
sentito Zamparini


Articolo letto 502 volte

VOTA
0/5
0 voti

biglietti, calcio, giovanni pecoraro, guardia di finanza, inchiesta, marcello trapani, maurizio zamparini, palermo, salvatore lo piccolo, sandro lo piccolo, Cronaca
Il presidente del Palermo Calcio, Maurizio Zamparini, e' stato sentito stamane a Roma dai pm della Dda del capoluogo siciliano, nell'ambito dell'inchiesta sulle presunte pressioni del clan mafioso Lo Piccolo sulla squadra rosanero.

L'interrogatorio, che si e' tenuto nei locali della Guardia di finanza, e' durato circa un'ora e mezza. L'inchiesta ha portato all'arresto dell'avvocato penalista Marcello Trapani, legale di fiducia dei Lo Piccolo e procuratore di molti giovani calciatori, e di Giovanni Pecoraro, responsabile tecnico del settore giovanile del Palermo fine alla scorsa stagione, che si era autosospeso quando il suo nome era stato trovato nei pizzini di Salvatore e Sandro Lo Piccolo. La societa' ha poi rinnovato quasi per intero i vertici.
"E' andata bene, ho riferito quelle poche cose che io potevo sapere". Cosi' il presidente del Palermo Maurizio Zamaprini, a Palermo dopo l'interrogatorio oggi a Roma dai pm della Dda del capoluogo siciliano, nell'ambito dell'inchiesta sulle presunte pressioni del clan mafioso Lo Piccolo sulla squadra rosanero. "Ho risposto a quello che mi chiedevano - continua - Quando mi hanno chiesto dello stadio e dei centri commerciali ho risposto che gli appalti non sono partiti perche' mancano le autorizzazioni e il progetto dello stadio, ho spiegato che non saro' io ad assumere il personale perche' poi vendero' o affittero' i locali per i negozi e saranno loro a decidere. I biglietti omaggio? Basta andare a vedere i file perche' sono nominali e quindi basta andare a controllare per
sapere a chi sono andati. Il rapporto con Foschi? L' ho interrotto per motivi generali, non ero piu' convinto di tenerlo con me. Non e' per l'inchiesta, ancora non c'era. Non ero contento in generale di lui, comunque lo ritengo una vittima non un artefice. Sul Palermo? Nessun coinvolgimento della societa' su questa inchiesta. L'unica cosa e' questa di Foschi che si pensa sia stato intimorito da questi signori del settore giovanile".