Live Sicilia

Call center Alitalia a Palermo

Crisi di liquidità per Alicos
1600 posti di lavoro a rischio


Articolo letto 635 volte

VOTA
0/5
0 voti

alicos, alitalia, call center, crisi, incertezza, lavoratori, palero, posti di lavoro, rosalba vella, tripi, Cronaca
La questione Alitalia potrebbe avere pesanti conseguenze sulla sorte di 1600 lavoratori siciliani dell’Alicos, il call center che ha sede a Palermo e di cui la compagnia  aerea possiede il 40% delle quote. Se, infatti, l’Alitalia non salderà entro il 15 ottobre un debito che oscilla tra i 5 e i 9 milioni di euro (sia dai vertici dell’Alitalia che da quelli dell’Alicos non è pervenuta alcuna comunicazione ufficiale in merito al debito) risalente alla gestione pre-commissariale, il call center di via Libertà rischia di chiudere i battenti e di mandare sul lastrico 1600 famiglie.

Una delegazione dello staff tecnico dell’Alicos (non di tutti i dipendenti) ieri ha incontrato i vertici aziendali: nella riunione hanno parlato della crisi di liquidità derivante dal mancato saldo del debito ma non è stata ancora data a tutti i lavoratori una comunicazione ufficiale sulla linea che l’azienda intende seguire nella vicenda. “È assurdo che i lavoratori – la gran parte con questo stipendio ha contratto un mutuo per la casa e sostenta la propria famiglia – non abbiano ancora avuto una nota ufficiale in cui è spiegato che fine faranno”, dice Rosalba Vella, rappresentante Slc-Cgil dell’Alicos. Dopo l’incontro tra azienda e lo staff tecnico di ieri è emerso che l’Alicos non ha liquidità per pagare gli stipendi ai dipendenti se non per il mese di settembre, mentre già problemi ci sarebbero per ottobre e novembre, ma come sottolinea la Vella: “Niente di ufficiale ancora è stato comunicato e questo crea panico tra i lavoratori”. È intervenuto sulla questione anche il segretario generale della Cgil siciliana: “La sede del call center della nuova Alitalia dovrà restare a Palermo. La Sicilia non può certo permettersi infatti di perdere 1600 posti di lavoro e su questo il sindacato è pronto a dare battaglia. Chiediamo che la compagnia aerea italiana chiarisca quanto prima e confermi il rapporto con l’Alicos”. Da ieri i lavoratori del call center hanno proclamato lo stato di agitazione che, secondo fonti sindacali, potrebbe sfociare in uno sciopero nei prossimi giorni e in altre forme legali di protesta per sensibilizzare la cittadinanza su un rischio così grave. “Sindacati e lavoratori – ha detto Tripi – chiedono l’apertura di un tavolo di trattative per sciogliere il nodo dell’incertezza che grava sul call center, che essendo al di fuori del perimetro aziendale non è stato incluso nel negoziato che ha portato agli ultimi accordi. Nelle passate settimane abbiamo già sollevato il problema cercando di non creare interferenze con la delicata vertenza aperta. Ora è arrivato il momento di aprire il capitolo Alicos”. Oggi è prevista la riunione del consiglio di amministrazione dell'Alicos. Solo dopo sarà convocata un'assemblea per comunicare a rappresentanti sindacali dei dipendenti qual è la situazione reale e come intende agire l'azienda per fare in modo che la nuova Alitalia confermi la propria commessa per il call center palermitano.

di Junio Tumbarello