Live Sicilia

Nuova stagione di concerti

“Musiche al Metropolitan”
nell'ambito del progetto Cam


Articolo letto 553 volte

VOTA
0/5
0 voti

caltanissetta, Catania, Catania Jazz, cordinamento associazioni musicali, maurilio prestia, musicarte, musiche, musiche al metropolitan, palermo, progetto cam, teatro Ambasciatori, Teatro Comunale Regina Margherita, Teatro Metropolitan, tonino di patti, triquetra, Cultura e Spettacolo
Un connubio di realtà musicali oggi si fonde nel  CAM – Coordinamento Associazioni Musicali, al quale aderiscono le Associazioni Triquetra, Musiche, Musicarte e Catania Jazz.

Un’idea che nasce dalla volontà di creare un unico organismo, anche in termini giuridici, volto alla diffusione di una musica di qualità “indipendente”dal contesto musicale nazionale, che spesso monopolizza anche le programmazioni Siciliane. Tre cartelloni sono stati appositamente creati a testimonianza di questa fusione: l’attività concertistica 2008/2009 a Palermo presso il Teatro Metropolitan, a Caltanissetta al Teatro Comunale Regina Margherita, ai Teatri Metropolitan e Ambasciatori a Catania.
I direttori artistici Maurilio Prestia e Tonino Di Patti hanno espresso stamattina al Teatro Metropolitan durante la conferenza stampa la loro soddisfazione e le loro intenzioni: “divenire una realtà su scala nazionale e portare in Sicilia nomi altisonanti - spiega Maurilio Prestia di Associazione Musiche, da sempre punto di riferimento per la musica d’autore – la programmazione per Catania e Caltanissetta è identica a quella di Palermo, c’è solo Noa in più (5 e 6 Marzo), più volte già esibitasi a Palermo.”
Per la stagione musicale al Metropolitan di Palermo si inizia  il 29 Ottobre con un quartetto inedito: il fisarmonicista francese di origini Italiane Richard Galliano, da molti riconosciuto come l’erede di Astor Piazzolla, il cubano Gonzalo Rubalcaba, apprezzato per i suoi tecnicismi al piano, con  George Mraz al contrabbasso e Clarence Penn alla batteria  in “Love Day”.
Si prosegue il 4 Novembre con la pianista ventinovenne Giapponese Hiromi (con Antony Philip Grey al basso elettrico, John Shannon alla chitarra, Martin Valihora alla batteria), la cui particolarità è fondere jazz e free jazz tradizionale con elettronica e sonorità orientali. Il 19 novembre l’eclettico e richiestissimo chitarrista Robben Ford (con il bassista Travis Carlton e il batterista Toss Panos), che vanta una serie di collaborazioni note come quelle con Jimmy Witherspoon, George Harrison, Joni Mitchell, fino a Miles Davis nel tour del 1986. Il 10 Dicembre sarà presentata una formazione relativamente nuova per i palcoscenici italiani : Giulia y los Tellarini, la band che firma la colonna sonora del nuovo film di Woody Allen “Barcelona”. La cantante trevigiana Giulia Tellarini è la protagonista di questa favola: un cd demo lasciato nell’albergo del regista, una chiamata inaspettata di apprezzamento e la conseguente partecipazione al film. Il 19 Gennaio è prevista un’esibizione di tango moderno al femminile: il Trio Contempo, composto dalla chitarrista Italiana Roberta Roman, dalla violoncellista francese Isbelle Sayot e dall’Argentina Marisa Marcadé al bandoneon (lo strumento fondamentale delle orchestre di tango argentine). Il 12 Febbraio in programma una forte componente di soul: Mala Waldron (la figlia del famoso musicista jazz Mal Waldron) al pianoforte (con Steve Salerno alla chitarra, Miriam Sullivan al contrabbasso e T.A. Thompon alla batteria).
Il 23 marzo in concerto il Larry Carlton Trio, dal nome di  uno dei più rispettati poliedricie versatili chitarristi jazz-fusion, appunto il californiano Larry Carlton.
La pianista romana Rita Marcotulli ha ideato un progetto-tributo ai Pink Floyd, in scena il 3 Aprile: “Us and them”, che prevede l’esecuzione dei brani più celebri della band inglese eseguiti da un quartetto formato da Andy Sheppard ai sax, Giovanni Tommaso al contrabbasso e Alfredo Golino alla batteria, a cui si sono aggiunti strumenti e musicisti meno legati al jazz, come la chitarra elettrica di Fausto Mesolella degli Avion Travel, il basso elettrico di Matthew Garrison, bassista di Pino Daniele, le percussioni e gli electronic sounds di Michele Rabbia, e la voce di Raiz, ex cantante degli Almamegretta.
Tutti i concerti iniziano alle 21.30 e i costi oscillano da € 15 a € 25  (abbonamenti: intero € 90/ridotto € 80; info: www.teatrometropolitan.it - tel: 0916888583).
Sono previsti inoltre degli eventi fuori-cartellone come “Le Orme”: quasi confermata l’esibizione, già molto attesa, del noto gruppo rock-progressive italiano degli anni ‘60.