Live Sicilia

Al Bellini
Concerto di capodanno
con Nicola Piovani


Articolo letto 514 volte

VOTA
0/5
0 voti

antonio fiumefreddo, bellini, concerto di capodanno, la vita è bella, nicola piovani, oscar, Cultura e Spettacolo
Un concerto di Capodanno di alto profilo. Un direttore d’orchestra d’eccezione: il premio Oscar Nicola Piovani. Per il secondo anno consecutivo il teatro Massimo Bellini, tempio catanese della musica colta, apre i battenti al grande pubblico per il concerto che saluterà il primo giorno del 2009.

L’iniziativa, che catapulta la città in uno scenario europeo sulla scia di quanto accade da anni nelle grandi capitali del Continente, è stata presentata questa mattina dal sovrintendente del teatro Antonio Fiumefreddo. A dirigere l’orchestra del Bellini ci sarà il compositore romano Piovani, celebre per le colonne sonore di film indimenticabili come “La vita è bella” di Benigni, che gli valse l’ambito riconoscimento assegnato dall’Academy Award.
Anche se mancano ancora più di due mesi all’appuntamento, tutti i dettagli sono stati già definiti. A fare da leit motiv sarà un omaggio alle musiche che hanno fatto la storia delle cinematografia italiana: dai brani che segnano i momenti più salienti di Kaos, girato dai fratelli Taviani nel 1984 (Il corvo, L’altro figlio, Mal di luna, La giara, Requiem), un vero e proprio omaggio alla Sicilia di Pirandello, a La notte di San Lorenzo (1982), sempre dei Taviani, affresco della campagna toscana in pieno dramma della Seconda Guerra Mondiale, che fu anche la prima collaborazione tra i registi e Piovani; dalle musiche per i film di Roberto Benigni - La vita è bella del 1997 e Pinocchio del 2002 - alle colonne sonore delle ultime due fatiche di un mito del nostro cinema, Federico Fellini, La voce della luna (1990) e Ginger & Fred (1986). “L’enorme successo dell’esperimento dello scorso anno – spiega Fiumefreddo - quando in Teatro arrivarono migliaia di spettatori e molti non poterono entrare per il tutto esaurito, ci ha spinti a ripetere l’iniziativa che diventerà una tradizione del ‘Bellini’, come lo è per i più grandi teatri europei”. I biglietti sono già in vendita: i prezzi vanno da 50 a 100 euro per un posto in sala.

di Clelia Coppone