Live Sicilia

Quentin Tarantino
e Brad Pitt
stregati da un vino siciliano


Articolo letto 631 volte

VOTA
0/5
0 voti

Al contadino sotto le stelle, alessandro di Camporeale, Babelsberg, Brad Pitt, inglorious bastards, kaid, Kaid Syrah, mimmo bianco, Quentin Tarantino, vino siciliano, Cultura e Spettacolo, Extra
È stato il Kaid di Alessandro di Camporeale a stregare Quentin Tarantino e Brad Pitt, Diane Kruger, Til Schweiger, Daniel Brühl, protagonisti di Inglorious Bastards, ultimo lavoro del regista americano, le cui riprese inizieranno tra pochi giorni negli studi di Babelsberg in Germania. Il film, la cui uscita è prevista nel giugno del 2009, narra di un gruppo di soldati ebrei americani, capeggiati da Pitt, inviati dietro le linee dell’esercito nazista per uccidere graduati e strateghi delle SS.Per festeggiare l’inizio delle riprese, il cast e l’intera produzione, hanno scelto “Al contadino sotto le stelle”, uno dei migliori ristoranti italiani in Germania, frequentato abitualmente da attori, divi del cinema ed esponenti del panorama politico tedesco.

A conquistare i palati delle star il sapiente tocco dello chef Mimmo Bianco, che, nella città più trendy del paese, reinterpreta con grande creatività la cucina di tradizione lucana.
“È stata una serata come le altre – precisa Bianco, titolare di questo locale di tendenza nel cuore culturale della nuova Germania – la notizia però si è diffusa rapidamente, attirando numerosi giornalisti”. A deliziare i protagonisti di questa nuova produzione cinematografica una ricca proposta gastronomica, accompagnata dai calici dell’eccellenza produttiva di Alessandro di Camporeale, il Kaid Syrah, vera perla di un’enologia attenta ad esprimere territorio e solarità. “Per iniziare – racconta Bianco – abbiamo proposto un antipasto misto con caponata. Come primo piatto è stata servita la pasta fatta in casa, in particolare i fusilli con il pesto di basilico, patate e fagioli, ravioli di porcini e vitello in salsa tartufata. E, per concludere, la tagliata di entrecote e il filetto di orata in salsa di mandorle”.