Live Sicilia

Sicurezza stradale

Guida in stato di ebrezza,
ecco i dati dall'inizio dell'anno


Articolo letto 491 volte

VOTA
0/5
0 voti

bevande alcoliche, carabinieri, denuncia, droga, droghe, guida in stato di ebbrezza, incidenti, incidenti stradali, Extra
Ancora un fine settimana in strada per i carabinieri, per contrastare la guida in stato di ebrezza o sotto l'effetto di stupefacenti. Alcuni numeri.

Dall'inizio dell’anno ad oggi, nella provincia di Palermo, 147 uomini e una donna sono stati denunciati perché guidavanno dopo aver bevuto o assunto droghe. Quindici uomini sono stati denunciati per ubriachezza in strada e in 4 sono stati arrestati per guida sotto effetto di droghe o alcool e resistenza a pubblico ufficiale. Sono 115 le auto sottoposte a sequestro giudiziario, 14 le moto.

La “guida in stato d’ebbrezza” è sancita dall'articolo 186 del codice della strada - comma 2° - che prevede nei confronti del trasgressore la denuncia in stato di libertà ed il conseguente sequestro del mezzo, nel caso in cui venga accertato un tasso alcolico pari a 0,50 gr./lt. presente nel sangue.

Sono tre le evidenze che tutti gli studi epidemiologici hanno messo in luce: il rischio di incidenti aumenta, in modo esponenziale, con la concentrazione di alcool nel sangue a partire da 50 mg di etanolo/100ml di sangue; a parità di alcol ingerito, aumenta al diminuire dell’età del conducente; il rischio aumenta tanto più rapidamente quanto minore è la frequenza di consumo abituale di sostanze alcooliche.La Commissione Europea, ha anche promosso un programma europeo per la sicurezza stradale che prevede una riduzione delle vittime degli incidenti stradali del 40 per cento entro il 2010.

I carabinieri del comando provinciale di Palermo fanno sapere che si tratta di una "priorità istituzionale" per l'alto costo sociale ed economico delle cosiddette "stragi del sabato sera". In questa campagna sono impegnati il nucleo radiomobile di Palermo ed i nuclei radiomobili di 10 compagnie che operano nel restante territorio provinciale. Gli equipaggi sono dotati di alcoltest, apparti certificati dal ministero delle Infrastrutture e annualmente verificati da centri specializzati.

Per fronteggiare il fenomeno, lo Stato si è impegnato con una nuova iniziativa per cercare di sensibilizzare ulteriormente gli automobilisti. Sono state introdotte, infatti, le tabelle informative che indicano ai guidatori i livelli di alcol nel sangue rispetto ad alcuni parametri. Le tabelle hanno il compito di informare i frequentatori dei locali sugli effetti del consumo delle diverse quantità e tipologie di bevande alcoliche, per prevenire i danni correlati e in particolare gli incidenti stradali.