Live Sicilia

"Pizza & pizzo"

Estorsione in pizzeria:
soldi per i cellulari
Arrestato 16enne


Articolo letto 456 volte

VOTA
0/5
0 voti

carabinieri, cellulari, denuncia, estorsione, furto, incensurato, indagini, minorenne, Cronaca
Chiede del denaro ad un coetaneo per restituirgli due telefoni cellulari, rubati la sera precedente in una pizzeria a due ragazze che si trovavano in sua compagnia, ma viene denunciato e arrestato. E' accaduto a Palermo. In manette con l'accusa di estorsione e' finito un giovane palermitano, G.F.P. , di 16 anni, incensurato.

Le indagini che hanno portato al suo arresto sono state avviate in seguito alla denuncia di un ragazzo, che ha raccontato ai poliziotti di essere andato a mangiare una pizza con amici, la sera precedente alla richiesta estorsiva. La vittima nel rientrare a casa, sarebbe stata contattata sull'autobus da G.F.P., suo conoscente, che lo informava di essersi impossessato di due telefoni cellulari di proprieta' di due ragazze che quella sera erano in pizzeria con lui e chiedeva per la restituzione dei telefoni la consegna di 50 euro.
I due, la stessa sera, si sarebbero dati appuntamento in via Camarina e dopo la consegna di 25 euro, G.F.P. avrebbe restituito solo uno dei telefonini, rifiutandosi di consegnare l'altro se non avesse ricevuto almeno altri 15 euro. Il sedicenne, a questo punto, sarebbe diventato particolarmente aggressivo ed avrebbe minacciato con un coltello il coetaneo, a cui ha dato appuntamento per il giorno successivo, lungo corso Vittorio Emanuele.
La vittima impaurita dalla reazione violenta del giovane, anche se si trattava di una piccola somma di denaro, ha deciso di rivolgersi ai poliziotti del Commissariato Mondello, che hanno cosi' organizzato lo scambio di denaro e teso una trappola al giovane estorsore che e' finito in manette.