Live Sicilia

Messina

Colpo al clan 'Bontempo Scavo',
4 arresti per pizzo e droga


Articolo letto 3.259 volte

VOTA
0/5
0 voti

arresti, arresto, Bontempo Scavo, carabinieri, clan, collaboratore, domiciliari, droga, mafia, marijuana, Operazione Icaro, pizzo, Cronaca
Taglieggiavano imprenditori nella zona dei Nebrodi fin quando una delle vittime ha deciso di collaborare con gli inquirenti. I carabinieri hanno arrestato stamani a Messina tre presunti affiliati al clan mafioso dei Bontempo Scavo. Sono accusati di estorsioni ai danni di imprenditori. In manette sono finiti Saverio Giuseppe Baratta di 34 anni; Marcello Coletta di 30, e Francesco Papa, 32 anni. A Baratta il provvedimento è stato notificato in carcere dove si trovava perché arrestato nel corso dell'Operazione Icaro.

L'attività investigativa, iniziata nel 2006, è andata avanti fino ad oggi con pedinamenti, intercettazioni ambientali e telefoniche, permettendo di accertare che i tre arrestati avevano preso di mira i titolari di due imprese di costruzioni edili di Patti e Brolo. Ad avvicinare gli imprenditori sarebbero stati inizialmente Baratta e Coletta che, sfruttando il loro legame con il clan dei Bontempo Scavo, avrebbero chiesto alle vittime il pagamento rispettivamente di 2 mila euro e di 5.500 euro. Dopo l'arresto di Baratta, ad affiancare Coletta sarebbe stato Francesco Papa. Un forte impulso alle indagini è arrivato dalle dichiarazioni di uno degli imprenditori che, esasperato, ha iniziato a collaborare con i carabinieri; il secondo imprenditore è stato invece indagato per favoreggiamento.
Nel corso dell'operazione i militari hanno arrestato una quarta persona con l'accusa di coltivazione di droga, Cristian Saggio Scaffidi, di 23 anni. Nella sua abitazione i militari hanno trovato una decina di piantine di marijuana. A Scaffidi, che non risulta affiliato al clan mafioso, sono stati concessi i domiciliari. A.C.