Live Sicilia

Mafia

Estorsioni alla famiglia Zonin,
altri due arresti a Caltanissetta


Articolo letto 1.471 volte

VOTA
0/5
0 voti

arresti, caltanissetta, carabinieri, estorsione, Feudo Principi di Butera, filippo d'anna, giovanbattista tona, giovanni lo stimolo, indagine, intercettazioni, intimidazioni, mafia, pistola, Riesi, zonin, Cronaca
Altri due arresti nell'ambito dell'indagine per le intimidazioni messe a segno ai danni dei vertici della famiglia Zonin che, nel Nisseno, gestiscono la casa vinicola "Feudo Principi di Butera". Il clan di Riesi voleva imporre agli imprenditori veneti la "messo a posto" tramite l'assunzione di familiari e gente vicina alla cosca.

I carabinieri del reparto operativo di Caltanissetta, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip Giovanbattista Tona, hanno arrestato Giovanni Lo Stimolo, 62 anni, e Filippo D'Anna, 41 anni, entrambi di Riesi. Il primo si trova già in carcere per gli stessi fatti. Le accuse sono, a vario titolo, associazione mafiosa, estorsione e tentata estorsione. Sarebbero loro gli autori di telefonate e lettere anonime indirizzate ai vertici aziendali.
Le indagini si sono giovate dell'uso di intercettazioni e delle dichiarazioni di collaboratori di giustizia. A corroborare le tesi degli investigatori anche i riscontri tecnico-scientifici effettuati dal Ris di Messina. I militari del reparto scientifico hanno, infatti, "analizzato i 'rapportini di servizio' in cui erano riportate le minacce nei confronti dei dirigenti dell'azienda e hanno rilevato delle scritture" che riconducono proprio a Filippo D'Anna. Con Giovanni Lo Stimolo sarebbero, dunque, gli autori delle intimidazioni e delle pressioni fatte anche in passato.

Nel corso dell'operazione sono state sequestrate una pistola semiautomatica calibro 45; una rivoltella calibro 357 magnum; un fucile da caccia semiautomatico calibro 12; due chili di polvere da sparo; duecento cartucce di vario calibro, tutte legalmente detenute da Filippo D'Anna. Non sono state rinvenute, invece, altre due pistole denunciate dall'uomo che, per questo, è stato denunciato anche per omessa custodia di armi. Il piccolo arsenale è stato inviato al Ris di Messina per verificare se vi sia traccia di un recentemente utilizzo.

I carabinieri nisseni, lo scorso 8 luglio, nell'ambito della stessa indagine, avevano arrestato Rosolino Li Vecchi, Giuseppe Cammarata, Pietro Terranova e lo stesso Giovanni Lo Stimolo, rimesso in libertà dal tribunale del Riesame per alcuni vizi di forma eccepiti dalla difesa.