Live Sicilia

Omicidio a Siracusa

Litigio fra famiglie a fucilate


Articolo letto 793 volte

VOTA
0/5
0 voti

agatino pellizzeri, armi clandestine, arrestato, corrado battaglia, delitto, investigatori, omicidio, polizia, questura, rimessaggio imbarcazioni, sebastiano battaglia, siracusa, Cronaca
Avrebbero già due nomi gli assassini di Agatino Pellizzeri, 38 anni, morto dopo essere stato ferito alle gambe a colpi di fucile in via La Maddalena a Siracusa. La polizia ha arrestato Sebastiano e Corrado Battaglia, 45 e 22 anni, padre e figlio. Fra le due famiglie non correva buon sangue e, secondo gli investigatori, in questo andrebbe cercato il movente del delitto. I Pellizzeri e i Battaglia sono, infatti, vicini di casa e proprietari di due attività commerciali per il rimessaggio di imbarcazioni.

I due sono accusati, inoltre, di porto e detenzione di arma clandestina. In base alle ricostruzioni della mobile, il litigio che poi è sfociato nell'omicidio è nato da vecchi rancori in cui sono coinvolti i due gruppi familiari. L'ultimo episodio di contrasto tra le due famiglie è stato originato da una lite tra un nipote di Pellizzeri e il giovane Corrado Battaglia, incontratisi casualmente a bordo di un bus navetta, nei pressi di Piazza Archimede.

I due gruppi familiari sono scesi in strada e si sono fronteggiati in un violento alterco: la lite è degenerata quando Sebastiano Battaglia, imbracciando un fucile, ha esploso all'indirizzo dei componenti della famiglia Pellizzeri tre colpi, uno dei quali, ha colpito Agatino alla gamba destra. Soccorso dai suoi familiari e trasportato in ospedale, l'uomo è morto poco dopo per le gravi ferite riportate.

Sebastiano Battaglia si è allontanato a piedi per le campagne circostanti portando con sè l'arma del delitto, mentre il figlio Corrado è stato rintracciato e condotto negli uffici della questura dove è stato dichiarato in arresto. Il padre fuggitivo si è costituito in questura nel pomeriggio e anche lui arrestato. I due sono stati condotti nella casa circondariale di Siracusa a disposizione del pm della Procura della Repubblica di Siracusa.