Live Sicilia

Arrestate a Palermo

Ladre di ovetti Kinder


Articolo letto 848 volte

VOTA
5/5
1 voto

arresto, commissariato Zisa Borgo Nuovo, domenico guarino, flagranza di reato, furto, furto aggravato, generi alimentari, inseguimento, marisa porpe, palermo, polizia, poliziotti, pregiudicata, tiziana monastero, Cronaca

Sono stati i poliziotti  del commissariato Zisa Borgo Nuovo, coordinati dal primo dirigente Domenico Guarino, ad arrestare Tiziana Monastero, pregiudicata palermitana di 32 anni e Marisa Porpe, anche lei pregiudicata, palermitana di 30 anni, “in quanto colte – si legge in una nota stampa -  nella flagranza del reato di furto aggravato”. Da alcuni giorni i supermercati della zona “Zisa” - secondo la ricostruzione della polizia - erano presi di mira da una coppia di donne che agivano sempre con lo stesso modus operandi: si impossessavano di prodotti alimentari e non esitavano a minacciare  gli impiegati per assicurarsi la fuga. Nel caso in cui venivano scoperte; scappavano a bordo di uno scooter.

L’ultimo assalto, ieri, al supermercato Fortè di via Ida Castelluccio con lo stesso copione delle “imprese” precedenti: due donne, dopo essersi impossessate di generi alimentari, avrebbero cercato di darsi alla fuga, ma sarebbero state bloccate da un’impiegata. La malcapitata avrebbe ricevuto un morso alla mano.



Gli agenti della Zisa effettuavano da tempo una serie di appostamenti. Durante uno di questi servizi, nei pressi del supermercato Conad di corso Camillo Finocchiaro Aprile, i poliziotti hanno notato uscire dall’esercizio commerciale, due donne, che col classico “fare sospetto” si mettevano velocemente a bordo di uno scooter nero e si allontanavano. Le due non si sarebbero fermate nemmeno all'alt. Da qui, l'inseguimento e l'arresto. “Da un controllo effettuato all’interno delle capienti borse che le due donne portavano a tracolla – si legge ancora nella nota - i poliziotti rinvenivano 17 confezioni di cioccolatini Ferrero Rocher e 4 uova Kinder”. Ora i controlli, per capire se le due sono responsabili pure degli altri colpi.