Live Sicilia

Siracusa

Scommesse online illegali
Scattano dieci arresti


Articolo letto 538 volte

VOTA
0/5
0 voti

guardia di finanza, in nero, indagati, internet, Monopoli di Stato, organizzazione criminale, percentuali, scommesse, scommesse sportive, siracusa, tribunale di siracusa, Cronaca
La guardia di finanza di Siracusa ha  scoperto e smantellato una organizzazione criminale che gestiva la raccolta illegale di scommesse sportive via internet nelle province della Sicilia orientale. Dieci persone sono state raggiunte da un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip presso il Tribunale di Siracusa. Accertato un volume d'affari stimabile in circa 400 mila euro. Sequestrate alcune ditte informatiche ed agenzie di scommesse nei territori di Siracusa, Catania, Messina e Ragusa.

Gli indagati, alcuni dei quali finiti in carcere ed altri agli arresti domiciliari, devono rispondere a vario titolo, di essersi associati per creare e gestire siti internet, assolutamente illegali e sconosciuti al sistema monopolistico statale, che sarebbero serviti per la raccolta di scommesse sportive online. In pratica, avrebbero messo in piedi un sistema che si proponeva di creare ed offrire ai giocatori una alternativa vantaggiosa e sicura ai Monopoli di Stato. Per la prima volta agli indagati è stata contestata l'associazione a delinquere finalizzata alla raccolta di scommesse online. L'organizzazione, avvalendosi di personale altamente specializzato e di sistemi software all'avanguardia, avrebbe creati siti  internet con caratteristiche similari a quelli regolarmente riconosciuti dai Monopoli, con differenze sostanziali in ordine alle vincite particolarmente vantaggiose per gli occasionali giocatori.  Un vantaggio economico veniva, inoltre, garantito ai punti  internet ed alle sale giochi compiacenti alle quali, in cambio della loro collaborazione nella promozione dei siti illegali,  veniva riconosciuta una percentuale sugli incassi netti, eventualmente realizzati, di gran lunga superiore rispetto a  quella offerta dai Monopoli di Stato anche perché assolutamente in nero.