Live Sicilia

Manifestazioni

51ma "Settimana
della musica sacra"
a Monreale


Articolo letto 800 volte

VOTA
0/5
0 voti

accesso libero, duomo monreale, elio carreca, ester bonafede, girolamo salerno, internazionale, Monreale, pietro ballo, rassegna, settimana della musica sacra, sinfonie liturgiche, Cultura e Spettacolo
E' giunta alla 51ma edizione la “Settimana di Musica Sacra” di Monreale”, rassegna internazionale di sinfonie liturgiche che prenderà il via lunedì 1 dicembre per concludersi mercoledì  10 dicembre.

Il prestigioso cartellone è stato illustrato dal Maestro Pietro Ballo, direttore artistico della manifestazione. Nove concerti sulla traccia della tradizione classica e liturgica, senza tralasciare le musiche contemporanee e le innovazioni composte da giovani talenti siciliani.
A fare da cornice alla rassegna saranno il Duomo di Monreale, autentico gioiello architettonico, la Cattedrale di Palermo, la Chiesa della Catena, la Basilica di San Domenico e la Chiesa di S. Maria degli Angeli alla Gancia.
All’incontro con la stampa hanno partecipato, oltre al Maestro Ballo, il dirigente del Servizio Turistico Regionale Elio Carreca, il coordinatore della produzione Girolamo Salerno e la Sovrintendente della Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana Ester Bonafede.
“Il nostro servizio, facente capo all’Assessorato Regionale al Turismo – ha spiegato Elio Carreca – anche quest’anno ha fortemente voluto questa manifestazione, realizzata grazie all’impiego di fondi europei. Ma in particolare quest’anno dobbiamo ringraziare, per il loro contributo fondamentale, la Curia, il direttore artistico e l’Orchestra Sinfonica Siciliana – la cui presenza conferisce alla kermesse un elevato spessore artistico – grazie ai quali siamo riusciti a garantire la continuità della rassegna di musica liturgica in assoluto più antica in Europa”.
“Sono lieto – ha aggiunto il Maestro Pietro Ballo, al quarto incarico come direttore artistico della “Settimana di Musica Sacra” – di aver avuto ancora una volta l’onore di dirigere questa prestigiosa manifestazione. E ancora una volta ho voluto dare alla kermesse un taglio internazionale, senza dimenticare le giovani risorse del nostro territorio”.
L’edizione numero cinquantuno della “Settimana di Musica Sacra” si aprirà con lo “Stabat Mater” di Gioacchino Rossini. Il concerto, per soli, coro ed orchestra, sarà eseguito dall’Orchestra Sinfonica del Mediterraneo diretta, per l’occasione, dal Maestro Leone Magiera. Quest’anno la kermesse dedicherà due diversi momenti ad Olivier Messiaen, del quale ricorre il centenario della nascita. Il primo vedrà l’esecuzione, martedì 2 dicembre, della composizione per organo “Gioia e chiarezza dei Corpi Gloriosi”, interpretata dal maestro Anton Phibes. E poi ancora Messiaen con tutta la magia del “Dieu parmi nous” tratto da “La Nativité” nella suggestiva cornice della Cattedrale di Palermo, il 10 dicembre, giorno della ricorrenza della sua nascita.
Le musiche di G. Tiranno (“De Iucunditate Rerum Naturae”), F. J. Haydn (“La Passione Sinfonia n. 49”) e W. A. Mozart (“Sinfonia n. 40 Kv 550 in sol minore”) riecheggeranno tra le navate della Cattedrale di Monreale il 3 dicembre. Ad eseguirle l’Orchestra Sinfonica Siciliana, sotto la direzione del Maestro Giuseppe Cataldo. Ancora l’Orchestra Sinfonica Siciliana, stavolta diretta dal Maestro Gaetano Cuccio Pellegrini, nel concerto in programma il 6 dicembre nella Basilica di San Domenico di Palermo su musiche di Giovanni Battista Pergolesi (“Stabat Mater”, “Salve Regina” e “Concerto in Si b Maggiore”).

Le musiche immortali di F. J. Haydn torneranno protagoniste il 5 dicembre, nella Chiesa di S. Maria degli Angeli alla Gancia. Ad interpretarle l’Orchestra da Camera Ottava Nona che riproporrà la celebre composizione “Le sette parole di Cristo sulla croce”. La direzione dell’Orchestra, vincitrice di diversi concorsi nazionali ed internazionali, è affidata al Maestro Salvatore Percacciolo. Sempre la Chiesa della Gancia ospiterà, il 4 dicembre, l’esibizione dei Palermo Spiritual Ensemble e i loro canti gospel. Le arie di J. S. Bach e di Arcangelo Corelli rivivranno, invece, nell’interpretazione dell’Ensemble Archimede che si esibirà, il 7 dicembre, nella Chiesa della Catena.
Dopo la pausa di lunedì 8 dicembre, la rassegna riprenderà martedì 9, nel Duomo di Monreale, con un concerto che farà la gioia sia degli appassionati del genere, sia di chi si accosta per la prima volta alla musica sacra. L’Orchestra Giovanile Siciliana, con il contributo del Coro Lirico Amadeus Mozart e sotto la direzione del Maestro Francesco Ledda, eseguirà brani di G. Tiranno, G. D’Aquila, A. Fortunato e F. Schubert. La chiusura della 51^ edizione della “Settimana di Musica Sacra” è affidata ad un concerto per organo e tromba. Il 10 dicembre, nella Cattedrale di Palermo, si esibiranno due veri e propri maestri del genere: l’organista tedesco Bernhard Buttmann e il trombettista polacco Lukasz Gothszalk.

I concerti della 51ma “Settimana di Musica Sacra” avranno inizio alle ore 21,15. L’accesso agli spazi monumentali è libero sino ad esaurimento posti.