Live Sicilia

Catania

Biblioteche nel web
La democrazia su Internet


Articolo letto 497 volte

VOTA
0/5
0 voti

biblioteche, Catania, democrazia, domenico seminerio, gesualdo campo, internet, maria attanasio, mariella lo giudice, pino micol, renato meli, roberto putzu, sistema bibliotecario provinciale, teatro stabile giuseppe dipasquale, turi caggegi, web, Cultura e Spettacolo
È on-line il Sistema Bibliotecario Provinciale etneo. Strumento divino, culla della memoria, “gioioteca” sempre più democratica grazie a internet, sofisticato laboratorio genetico, mezzo per andare alla ricerca del senso del mondo. Queste le veloci e sintetiche definizioni di “biblioteca” secondo il soprintendente di Catania Gesualdo Campo, il direttore del Teatro Stabile Giuseppe Dipasquale, il giornalista ed esperto di web Turi Caggegi, l’educatore penitenziario Roberto Putzu e la scrittrice Maria Attanasio. Con loro, oggi alle Ciminiere, erano lo scrittore Domenico Seminerio, gli attori Pino Micol e Mariella Lo Giudice, il progettista Renato Meli.

Nove voci – e pensieri, esperienze, percorsi di vita – che hanno animato il dibattito e reading letterario “Il mio libro del cuore” costruito intorno a “Le biblioteche nell’era del web”, manifestazione promossa dalla Soprintendenza di Catania per presentare il Sistema Bibliotecario Provinciale. Da oggi le “biblioteche on line” sono finalmente una realtà a Catania e provincia grazie all’impegno della Soprintendenza che è riuscita a finanziare, grazie ai fondi di Agenda 2000, un progetto che è ormai una pietra miliare nella storia delle biblioteche etnee: da ieri 85 di loro sparse fra 50 comuni sono entrate in un portale da consultare comodamente da casa o da qualunque postazione internet. Dopo essersi registrati, infatti, si possono consultare i titoli di oltre 1 milione e 300 mila volumi. I titoli, sottolineiamo, non i documenti digitalizzati come proponeva la recente Europeana, la megabiblioteca europea che ha dovuto chiudere temporaneamente i battenti (dando appuntamento a metà dicembre) perché il sistema ha subito un collasso per i troppi contatti (circa 10 milioni in poche ore). Sul sito del SBP di Catania (www.sbp.ct.it) sono già consultabili (per essere prenotati e ritirati in biblioteca) centinaia di migliaia di titoli e una buona parte delle schede catalografiche già inserite nel sistema dai bibliotecari che, dopo essere stati formati, si sono dedicati a questa storica operazione. Che è in continuo divenire per molte ragioni: il sistema è aperto all’ingresso di nuove biblioteche (prenotati il Teatro Stabile e l’Archivio di Stato) e poi si pone l’obiettivo del prestito interbibliotecario (attraverso una convenzione fra enti per la quale gli assessori alla cultura di Provincia e Comune, Nello Catalano e Fabio Fatuzzo presenti all’inaugurazione di stamani, hanno dato la loro più ampia disponibilità. E poi perché davvero, nel futuro del SBP di Catania – e di chi ha lavorato a questo primo step - c’è il “miraggio” di un patrimonio librario digitalizzato che sul serio superi il tempo e lo spazio. Protagonisti indiretti della manifestazione, insieme ai bibliotecari e ai funzionari della Soprintendenza, gli studenti di quattro licei (Archimede di Acireale, Capizzi e Spedalieri di Bronte, Boggio Lera di Acireale) e dello stesso Ipm di Acireale (l’Istituto Penale Minorile). Le loro letture, i loro autori preferiti - segnalati al termine di un sondaggio dai professori - sono stati il canovaccio attorno al quale è stata tessuta la tela di un vivace dibattito intellettuale e umanistico e di un seguitissimo reading letterario condotto dal giornalista Giuseppe Lazzaro Danzuso. Di scena Gomorra e Il giorno della civetta –  i più amati, Saviano e Sciascia, dai giovani etnei – ma anche l’Ombra del vento di Zafon, la Conversazione in Sicilia di Vittorini, il Libraio di Selinunte di Vecchioni e La musica in Testa di Giovanni Allevi. Applausi appassionati per Micol e la Lo Giudice: le loro letture precedute sempre da uno “shhhh!” degli stessi ragazzi, ansiosi di ascoltarli per… ascoltarsi. Toccante la testimonianza di Putzu: “Uno dei nostri ragazzi, malato d’anoressia, s’è quasi cibato di libri: rinunciava al cibo ma non alla lettura”. Micol critica le biografie di calciatori come Cassano e Totti (“meglio vivere della propria fantasia!”), Seminerio e Attanasio contestano certi romanzi “preconfezionati” dall’editor (“ma non è il caso della nostra Sellerio”). Campo conclude: “Questo Sbp è comunque una conquista della democrazia: abbiamo trasformato in documento un monumento per renderlo fruibile a chiunque ovunque si trovi”.