Live Sicilia

Accordo Unicredit - Fiba Cisl

Via libera a 3.700 prepensionamenti
400 assunzioni entro il 2010


Articolo letto 832 volte

VOTA
0/5
0 voti

accordo, banco di roma, banco di sicilia, fiba cisl, gruppo unicredit, unicredit, Economia
Stipulata, dopo tre giorni ininterrotti di trattativa a Milano, l’intesa tra la capogruppo Unicredit e le organizzazioni sindacali per affrontare, come si legge in una nota, le problematiche relative all’esame delle ricadute del piano triennale del Gruppo e per individuare gli strumenti di gestione delle eccedenze di personale, concentrate particolarmente nelle piazze di Palermo e Roma, sedi delle Direzioni generali del Banco di Sicilia e di Banca di Roma, oltre che di Milano Bologna, Brescia e Reggio Emilia. Lo rende noto la Fiba Cisl, Banco di Sicilia.

“L’accordo prevede - dicono Camillo Bongiovì, coordinatore nazionale Fiba Cisl Bds e Gabriele Urzì, dirigente nazionale dello stesso sindacato - l’accoglimento di tutte le domande di adesione alle iniziative di incentivazione all’esodo, con l’uscita di 1.300 lavoratori per il 2009 e di 2.400 per il 2010, nonché la riapertura dell’accesso al pensionamento diretto su base volontaria ed incentivata con presentazione delle domande entro il 30 gennaio 2009 per i lavoratori delle piazze di Palermo e delle altre provincie siciliane, di Roma, Bologna, Brescia e Reggio Emilia”.
E’ stato raggiunto poi, spiegano i due sindacalisti, un accordo al fine di attenuare le problematiche delle eccedenze sulle piazze di Palermo e Roma che prevede per la Capitale lo spostamento di 270 unità di personale ad Unicredit Shared Service Center (40 unità), a Banca Diretta Multicanale (100 unità), a Unicredit Credit Management Bank (30 unità) ed a Unicredit Process and Administration (100) e sulla piazza di Palermo e sulle altre provincie sede di ex aree territoriali del BdS il trasferimento di 200 dipendenti ad Unicredit Customer Recovery (200 unità) e il rafforzamento e l’implementazione del polo della Banca Diretta Multicanale. Tali trasferimenti, secondo quanto reso noto dai due sindacalisti, si concretizzeranno in un primo tempo con adesioni individuali a seguito di selezioni che verranno effettuate nei mesi di dicembre e gennaio prossimi e, compiuta una verifica sui numeri, successivamente eventualmente con trasferimento su base collettiva.
“Sono alcuni degli strumenti - affermano Bongiovì e Urzì - con i quali, unitamente al rafforzamento delle strutture delle Divisioni delle banche Retail a Palermo e Roma, si deve realizzare, salvaguardando le professionalità dei lavoratori e scongiurando fenomeni di mobilità territoriale, la riallocazione di centinaia di dipendenti, che saranno oggetto di adeguati percorsi formativi e di riqualificazione. Altro impegno formalizzato dal gruppo è quello di procedere all’assunzione di qui al 2010 di almeno 400 lavoratori nel Gruppo Unicredit (70 a gennaio del 2009, 130 terminati i trasferimenti del personale nei poli delle società del Gruppo di Palermo e Roma e 200 a gennaio del 2010) con percorso preferenziale per chi ha presto servizio per almeno quattro mesi presso le banche commerciali del Gruppo Unicredit nel corso del 2008 con contratto a tempo determinato o per almeno un anno con contratto di somministrazione”.