Live Sicilia

Da domani resteranno a casa

Telefono Azzurro lascia a casa 26 operatori
Domani l'incontro tra vertici e sindacati


Articolo letto 666 volte


licenziamento, palermo, sindacati, telefono azzurro, Cronaca
Il gioco di parole  potrebbe venire quasi naturale: è emergenza al Servizio Emergenza Infanzia. Dal momento che, però, si ha a che fare con la salvaguardia di posti di lavoro da un lato, e la tutela di bambini e adolescenti in difficoltà dall'altro, va da sè che motivi per scherzare ce ne siano veramente pochi. Dal primo gennaio, tutti gli operatori del 114, il servizio  gestito dall'Associazione Sos Telefono Azzurro Onlus, hanno perso il loro posto di lavoro: ventisei persone che allo scoccare della mezzanotte hanno salutato l'arrivo dell'anno nuovo con l'angoscia di ciò che può riservare loro questo inizio di 2010 così incerto.

Le motivazioni addotte dai vertici dell'Associazione fanno riferimento ad esigenze di natura economica telefonoazzurroche renderebbero impossibile il presieguo dell'attività. Una versione comprensibile, certo, soprattutto in questo periodo di crisi economica generale, se non fosse per alcuni aspetti che non vanno per nulla sottovalutati nè, tantomeno, taciuti. Esiste, ad esempio, una proroga concessa dal Ministero della Pari Opportunità che assicurerebbe la continuazione del Servizio con tutti gli operatori almeno fino ad aprile. Ma non è tutto. Un'associazione come quella del Telefono Azzurro, infatti, che trova le risorse per sopravvivere anche e soprattutto nelle donazioni, avrebbe ricevuto appena un anno e mezzo fa un sostanzioso assegno (si parla di circa 2 milioni e mezzo di euro) da parte di un ricco benefattore di passaggio a Palermo.

Una situazione dai contorni poco chiari per non dir proprio oscuri, dunque, che si arricchisce di altri due elementi interessanti da sottoporre all'attenzione. Innanzitutto il fatto che la sede palermitana dell'Associazione Sos Telefono Azzurro Onlus gode del privilegio di poter essere ospitato in un grande appartamento confiscato alla mafia; secondo il fatto che in Campania nei giorni scorsi, l'associazione ha aperto un nuovo centro Territoriale con, naturalmente, nuovi operatori: insomma, una strategia che mal si concilia con quell'annuncio di mancanza fondi comunicato due giorni fa ai dipendenti di Palermo.

Ma con questa drastica riduzione del personale, il Servizio come affronterebbe l'enorme mole di raccolta e smistamento delle segnalazioni che arrivano ogni giorno da tutta Italia? Secondo i vertici il lavoro dovrebbe ricadere solo ed esclusivamente sulle spalle dei volontari del Servizio Civile Nazionale. Una soluzione che sì, consentirebbe una notevole riduzione dei costi, ma che non terrebbe conto della delicatezza e dell'importanza sociale del servizio in questione. Spesso, infatti, accade che al di là dell'indiscusso impegno profuso dai giovani volontari, questi si trovino innanzi a limiti oggettivi legati ad un fattore di inesperienza che si traduce in una incapacità nella gestione dei casi.

Intanto i sindacati Filcams Cgil e Fisascat Cisl si sono già attivati presso il Ministero e la Regione Siciliana per "denunciare tale anomala situazione ed intraprendere una vertenza a salvaguardia dei posti di lavoro e del servizio". Un'azione che ha portato i vertici dell'Associazione a fissare per domani, 5 gennaio, un nuovo incontro con gli operatori.