Live Sicilia

agenzia delle dogane

Le verifiche fiscali?
Si fanno in taxi


Articolo letto 546 volte

VOTA
0/5
0 voti

agenzia delle dogane, erario, sicilia, taxi, verifiche fiscali, Cronaca
Di necessità virtù, e così, in tempi di vacche magre, le verifiche fiscali all’esterno e i controlli delle merci da parte dei funzionari siciliani dell’Agenzia delle Dogane verranno effettuati con i taxi. E’ quanto stabilito da convenzioni con apposite cooperative per arginare il problema delle risorse limitate che finora hanno previsto per gli agenti dell’Erario l’utilizzo delle vetture aziendali o di mezzi propri. A finanziare l’iniziativa saranno i fondi dell'Unione europea stanziati per potenziare i servizi di controllo sulle merci.

Nell’Isola sono 610 i funzionari e nel 2008 il 34% dei controlli ha fatto registrare irregolarità. Per usufruire del servizio si dovrà esibire un tesserino di riconoscimento, mentre sarà compito del tassista rilasciare una ricevuta con indicazioni dettagliate sul percorso, il prezzo e le persone a bordo. Dall’Agenzia delle Dogane fanno sapere che l’obiettivo futuro è di operare con vetture in leasing, ma che tale innovazione sarà in grado di rendere più efficaci e trasparenti i controlli, permettendo ai funzionari di non dover fare ricorso alle ditte di spedizione. Sono proprio le ditte, infatti, a scaricare le spese sulle imprese che subiscono gli accertamenti, con un aggravio dei costi.
Ma oltre ai vantaggi economici ce n’è uno, ancora più prezioso, nell’effettuare i controlli fiscali in taxi: l’imprevedibilità. Occhio dunque alle vetture bianche. Se siete tra i contribuenti che hanno qualcosa da temere, le sorprese potrebbero arrivare sotto un’altra veste.