Live Sicilia

Un progetto per prevenire l'obesità infantile


Articolo letto 598 volte

VOTA
0/5
0 voti

Counteracting Obesity Award, Food Dudes, infantile, obesità, oms, organizzazione mondiale sanità, regione siciliana, Dal Palazzo

La Sicilia sarà la prima regione italiana a implementare in via sperimentale il programma “Food Dudes”, premiato dall’Organizzazione mondiale della sanità con il “Counteracting Obesity Award”. Food Dudes rappresenta un intervento psicoeducativo pensato e progettato per i bambini delle scuole elementari e materne. L’intervento si attua a livello scolastico ed e’ volto all’educazione alimentare, finalizzata alla prevenzione dell’obesita’ infantile e adulta.



Gli obiettivi e la metodologia del progetto sono stati presentati nel corso di una conferenza stampa a villa Malfitano, a Palermo, alla quale hanno partecipato l’assessore regionale all’Agricoltura, Giovanni La Via, il docente di Psicologia dell’Universita’ Iulm di Milano e presidente dello Iescum (Istituto europeo per lo studio del comportamento umano) di Parma, Paolo Moderato e i dirigenti scolastici delle scuole coinvolte nel progetto.

Il progetto e’ nato nel 1992, presso il Dipartimento di Psicologia dell’Università del Galles a Bangor, e successivamente testato con successo in diversi paesi d’Europa. La prima applicazione in Italia e’ realizzata in collaborazione con la Regione siciliana e si integra nel lavoro che la Regione ha fin oggi svolto per la diffusione di campagne di indagini conoscitive e sensibilizzazione alla corretta educazione alimentare, iniziato nel 2002.

“Il tema dell’alimentazione – ha detto l’assessore La Via – ha un ruolo centrale per promuovere un’effettiva e diffusa tutela della popolazione ed e’ uno dei temi fondamentali su cui bisogna impegnarsi quotidianamente per costruire un reale e sostanziale miglioramento della qualita’ della vita. Per questo motivo, riteniamo fondamentali, con particolare riferimento ai giovanissimi e ai giovani, gli interventi nella scuola, in particolare con i docenti, per condividere un progetto interistituzionale in cui l’alimentazione sia trattata a tutto campo dal punto di vista produttivo, psicologico, nutrizionale e culturale in senso lato”.