Live Sicilia

E allora ditelo...

Fiat Lux


Articolo letto 874 volte

VOTA
0/5
0 voti

daniele billitteri, enel. luce, fiat lux, palermo
billitterriAlle volte sentite dire ingiro "Fiat Lux"  non dovete pensare che è un nuovo modello di automobile. In latino vuol dire "Sia fatta la luce" ed è la prima cosa che disse il Signore quando, dopo averci pensato a lungo, decise di fare tutto l'Universo, così almeno aveva un poco di guai di cui occuparsi.
Quindi questa cosa della luce è importante, è una cosa  che il contrario vuol dire sventura: la notte dei tempi, i Secoli Bui, il Sonno della Ragione (e certo si sogna allo scuro).
Insomma, la luce ci vuole perché così vuole il Signore. Fu per questo che inventarono prima il fuoco e poi la lampadina tascabile quando scoprirono questa cosa bellissima che è l'elettricità. Non a caso noi la corrente elettrica mica la chiamiamo "corrente alternata" o "flusso di elettroni". No, la chiamiamo semplicemente: luce. Divinamente luce.
Ma questa luce non è a gratis come quella del sole. Si deve mettere mano alla sacchetta e ogni mese bisogna pagare la "impolletta" se no succede un fenomeno naturale come quando una stella si spegne e nasce un buco nero. Da noi però è al contrario: prima c'è un buco nero (di solito alla banca) e poi si spegne la luce nel senso che la tagliano. Prima dovevano venire gli operai a mettere i piombini nel contatore e la malafiura non era normale. Ora almeno ci sono i contatori elettronici e tagliano direttamente dalla centrale.
Ma i controlli li devono fare e quelli della Luce (volgarmente detta Enel), fanno visite a campione. Un giorno in un quartiere, un giorno in un altro e vanno a spiare se per caso qualcuno si è "attaccato" e si fotte l'energia. Controlli fatti anche nel sospetto che i frequenti blackout in alcune zone siano provocati da un sovraccarico illegale: quelli che si "attaccano".
Ma i controlli non hanno fatto i conti con la rete di mutuo soccorso dei cittadini. Così appena in un quartiere si presentano i controllori, "radio condominio" comincia a battere l'allarme. E nei condomini si cominciano a quartiare. Il portiere fa il giro piano per piano. Ma siccome non è tanta bella questa cosa che uno ci deve dare confidenza al portiere se si ammucca la luce col filo, allora qualcuno, come è successo a Brancaccio, ha pensato bene di appizzare un bel cartello in portineria dove c'è scritto : "Si invitano i condomini che si sono collegati in modo illegale a ridurre i consumi....ci sono i controlli". Ma non ha funzionato tanto è vero che il cartello finì pure nel giornale.  Ladri, certo. Ma pure simpatici. E se uno ladro deve essere per forza antipatico, allora ditelo...