Live Sicilia

Lavoro

Tutti i numeri dei precari
della Regione siciliana


Articolo letto 1.327 volte

Sono quasi 7.000 i precari da stabilizzare. Ventitré gli ultra-sessantacinquenni e quasi 5 mila le donne. La prima provincia è quella di Messina (circa 2 mila) seguita da Palermo (oltre 1.200) e Trapani (1.100). Quasi 13 mila quelli per cui la Regione paga i contributi agli enti che li utilizzano. Stamane insediato il tavolo per la stabilizzazione, su iniziativa dell'assessore al Lavoro, Carmelo Incardona


Catania, incardona, messina, palermo, precari, regione siciliana, stabilizzazione, tavolo, Dal Palazzo, Politica
Sono 6.799 i lavoratori socialmente utili ancora in attesa di stabilizzazione. Il dato, fissato al 31 dicembre del 2008, è stato reso noto stamattina, durante la
riunione del tavolo tecnico per la stabilizzazione del precariato, insediato dall'assessore regionale al Lavoro, Carmelo Incardona.

Il più anziano lsu siciliano è un catanese di 73 anni, ma sono ben 23 i precari ultrasessantacinquenni. "Faremo subito una segnalazione all'Inps - assicura Rino Lo Nigro, dirigente generale dell'Agenzia per l'Impiego - perché queste persone hanno titolo per ottenere la pensione, oppure, non ne hanno diritto perché percepiscono altri redditi. E, quindi, non possono continuare, in ogni modo, a ricevere l'assegno da lsu".

Su quasi 6.700 lsu, ben 4.973 sono donne. La provincia con più lsu da stabilizzare è Messina, con 2.000 circa, seguita da Palermo, con oltre 1.200 e Trapani con più di 1.100. Gli ex lsu con contratto di diritto privato non a tempo
indeterminato, sono invece 12.980, mentre quelli per i quali la Regione eroga agli enti utilizzatori un contributo di 35 mila euro per cinque anni per la stabilizzazione sono 11.000 circa.

"Il tavolo tecnico - ha spiegato l'assessore - si occuperà di individuare forme di stabilizzazione definitiva anche per loro. Il Parlamento ha prorogato a tutto il 2009 le attività dei lsu e i termini per l'attuazione delle misure di fuoriuscita e
stabilizzazione, stanziando 287 milioni".

"Questo tavolo - ha detto l'assessore - operera' in supporto e in collaborazione con la struttura allestita dal presidente Lombardo, con l'obiettivo della stabilizzazione, entro cinque anni, del precariato storico e dei lavoratori socialmente utili in forza all'amministrazione regionale. I lavori si concluderanno entro il 31 luglio del 2009".