Live Sicilia

Il presidente di 'Libera'

Don Luigi Ciotti:
"Crisi favorirà usura e riciclaggio"


Articolo letto 566 volte

VOTA
0/5
0 voti

bottega sapori, campi confiscati, centopassi, cooperativa, cosa nostra, crisi, don ciotti, lavoro e non solo, libera, mafia, palermo, piazza castelnuovo, placido rizzotto, ricilcaggio, usura, Cronaca
"Nei momenti di grande difficolta' le mafie fanno un po' da banche, prestano soldi, usano delle facce d'angelo, delle teste di legno per forme di usura, danno soldi a piccole e medie imprese. Quindi, questa crisi certamente favorira' il riciclaggio di denaro, penetrazioni in forme diverse nei vari territori". Lo ha detto il presidente dell'associazione Libera, don Luigi Ciotti, oggi a Palermo, a margine della cerimonia di inaugurazione, in piazza Castelnuovo 13, della "Bottega dei Sapori e dei Saperi della Legalità".

Don Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti



Si tratta di un negozio in cui e' possibile acquistare i prodotti del lavoro delle cooperative agricole di "Libera Terra", che operano sui terreni strappati alla
criminalita' organizzata, e che potranno essere venduti al dettaglio. Il locale, situato nel cuore dello 'struscio' e dello shopping palermitano, fino al 1994 era un negozio di abbigliamento maschile, appartenente ad un boss di Brancaccio, e grazie alla legge 109 del 1996 - che consente l'uso sociale dei beni confiscati alla criminalita' - adesso diventa un simbolo concreto di riscatto sociale. Un luogo aperto a tutti, dove esercitare la memoria e costruire l'impegno.