Live Sicilia

Un padiglione per le talassemie
all'ospedale Cervello di Palermo


Articolo letto 674 volte

VOTA
0/5
0 voti

andrea vecchio, cervello, ospedale, padiglione, palermo, progetto, sanità, talssemia, Zapping
Dieci mesi di lavoro, una spesa complessiva di cinque milioni di euro per realizzare una struttura di tre piani esterni e un interratoche si estende su oltre 5 mila metri  quadrati. Sono questi i numeri del nuovo Padiglione per le talassemie che sorgerà all'interno dell'ospedale Cervello di Palermo e i cui lavori sono stati inaugurati questa mattina. Il progetto nasce dall'iniziativa dell'associazione Piera  Cutino, che proprio all'interno dell'ospedale ha trovato un'area adatta a questo scopo. La talassemia mediterranea è una patologia presente soprattutto nell'area mediterranea, da qui il suo nome, e alcune zone dell'Africa e del sud est asiasico. Ma i numeri di chi ne è affetto non sono tali da supportare una ricerca su vasta scala. Ecco perché si è deciso, grazie a donazioni di realizzare questa struttura che si avvale di operai e mezzi dell'imprendiotore catanese, Andrea Vecchio, che ha avuto il coraggio di denunciare i propri estortori.
Il padiglione ha anche un duplice scopo: ospitare un centro di ricerca scientifica in cui portare avanti nuove forme di terapia, ad esempio quella genica e il trapianto in utero attraverso l'utilizzo di nuove aparecchiature di laboratorio in collaborazione con altri centri italiani e stranieri. Dall'altro ospitare una foresteria, una “casa albergo”, che con i suoi 70 posti letto rappresentgerà un valido aiuto per i parenti di malati ricoverati che non essendo di Palermo sarebbero costretti ad affrontare spese elevate per poter stare accanto ai propri cari e assisterli.
“La presenza della mia ditta in questo progetto ha un duplice valore – spiega l'imprenditore Andrea Vecchio -. Innanzitutto perché mi dà grande soddisfazione essere utile con azioni concrete e per problematiche di questo tipo. Anche se questi tipi di interventi, che come in questo caso sono affidati al privato e alla solidarietà dei cittadini, dovrebbero essere un obbligo, un dovere della pubblica amministrazione. E poi mi fa piacere lavorare a Palermo dove debbo dire non abbiamo mai avuto problemi di richieste di pizzo. D'altronde gli estortori sanno fare il loro mestiere, sanno a chi devono chiedere i soldi e stare tranquilli che non gli succederà niente. Da quando la mia denuncia è diventata un fatto pubblico non sono venuti. Infine la mia presenza qui  è una garanzia, sia di legalità e di legittimità per la scelta che ho fatto, sia per la qualità del lavoro”.
Ma la realizzazione del progetto deve molto appunto alla solidarietà e alla beneficenza. L'associazione Piera Cutino che ha patrocinato l'iniziativa ha già raccolto 48.450 euro, ma la ricerca ha bisogno di fondi e di strutture dove poter lavorare. Il primo lotto di lavori costerà più di un milione di euro e servirà semplicemente a consegnare la struttura, mentre le fasi successive riguarderanno gli impianti, le rifiniture e gli arredamenti. Un impegno notevole di denaro che ha ricevuto il sostegno anche di volti noti della tv e dello spettacolo, come il noto showman siciliano Fiorello, che ha deciso di prestare il proprio nome e il proprio volto alla campagna di raccolta fondi.
Le donazioni si possono effettuare sia tramite conto corrente che con carta di credito online. Per ulteriori informazioni è possibile collegarsi al sito internet www.pieracutino.it oppure telefonare allo 092/6885566.