Live Sicilia

Documentari

L'anima della Vucciria in scena
stasera al cinema Lubitsch


Articolo letto 602 volte

VOTA
0/5
0 voti

cinema, documentario, lubitsch, palermo, vucciria
E’ possibile restituire l’anima della Vucciria, con i suoi colori, la sua gente, i mestieri di un quartiere antico che rappresenta il cuore ferito, ma ancora pulsante di Palermo? E’ quanto ha fatto un giovane regista tedesco, Markus Lenz, nel documentario “Vucciria” che verrà presentato oggi alle 21 al cinema Lubitsch, in via Guido Rossa. Dopo la proiezione è previsto un incontro con il regista durante il quale interverranno anche Marcello Benfante, Paolo Greco e Franco Maresco. L’iniziativa si iscrive nell’ambito del progetto “Omniapolis” che il Goethe-Institut dedica alla città e alle culture urbane, a dieci anni dalla nascita del Lubitsch.
La telecamera di Lenz si è addentrata tra i vicoli di un mercato un tempo florido e oggi simbolo di  degrado edilizio, igienico e sociale. Le case, ormai pericolanti, sono state abbandonate e i rifiuti si ammassano nei vicoli deserti, dimenticati dall’amministrazione comunale. E tuttavia la Vucciria continua a parlare: racconta, a chi l’attraversa, la sua lunga storia. Quando la gente arrivava qui dalle zone più lontane della città e si accalcava davanti alle bancarelle per acquistare i prodotti freschi. C’è Pippo Basile, che da cinquant’anni vende “pani c’a meusa” e che ricorda i giochi che da bambino era solito fare con gli altri ragazzini in piazza Caracciolo. O il giovane Claudio Di Giovanni, che  inizia a lavorare ogni mattina alle sei, portando avanti la tradizione di una famiglia che da generazioni vende il polpo bollito in piazza. Ma il fine settimana il suo lavoro diventa quello dell’animatore in discoteca. Contraddizioni di un presente in continuo cambiamento.
Il senso del progetto Omniapolis organizzato dal Goethe Institut è capire quali sono le forme espressive che le città concedono ai propri cittadini, dando voce a coloro che attraverso diverse forme e tecniche artistiche riconquistano spazi  e non luoghi  pubblici, da tempo ormai scomparsi. L’ingresso è libero, per informazioni chiamare lo 091 447164.