Live Sicilia

Un rumeno ad Alcamo

Tenta di impiccarsi, salvato e arrestato


Articolo letto 507 volte

VOTA
0/5
0 voti

alcamo, arrestato, impiccarsi, rumeno, Cronaca
Rumeno tenta di impiccarsi per rimorso, dopo avere picchiato la madre e la sorella per farsi consegnare del denaro, viene salvato e poi arrestato dai
carabinieri. E' accaduto ad Alcamo. In manette è finito Stelian Gabor, di 28 anni.
Nella tarda serata di ieri una chiamata al 112 ha segnalato la presenza di un uomo che stava per impiccarsi in una stradina del centro storico. Immediato l'intervento di una pattuglia di carabinieri. La pattuglia ha constatato la presenza del giovane all'esterno del balcone della sua abitazione, con una corda legata intorno al collo. I militari anche grazie all'aiuto di alcuni amici del
rumeno, intervenuti sul posto, lo hanno convinto a desistere dall'intento ed a farsi curare in ospedale.
In seguito agli accertamenti, i carabinieri hanno scoperto che il giovane era solito usare violenza sia nei confronti della madre e della sorella, che minacciava di morte e picchiava per estorcere loro denaro. Grazie anche alle testimonianze di alcuni vicini di casa, più volte richiamati dalle grida provenienti dall'abitazione del Gabor, i militari sono poi riusciti a ricostruire quanto accaduto nella notte.
L'arrestato avrebbe prima picchiato la sorella che però è riuscita a divincolarsi ed a fuggire a casa di amici in cerca di aiuto, ma nell'intervallo di tempo, prima del ritorno della ragazza con altre persone, l'arrestato avrebbe ripetutamente
picchiato la madre, nell'intento di farsi consegnare 600 euro. Poi vistosi scoperto dagli amici di famiglia, intervenuti sul posto, e verosimilmente in preda al rimorso avrebbe tentato di impiccarsi.
Il giovane, dopo le cure mediche, è stato sottoposto a fermo di polizia per i reati di estorsione, violenza e percosse e accompagnato nel carcere di Trapani.