Live Sicilia

Formazione: Cgil, Cisl e Uil
"Pronti a nuovo sciopero"


Articolo letto 417 volte

VOTA
0/5
0 voti

cgil, cisl, formazione, precari, regione siciliana, sciopero, sicilia, uil, Politica
È ancora in subbuglio il mondo siciliano della formazione professionale. Cgil Cisl e Uil contestano all'assessore regionale al Lavoro, Carmelo Incardona, di "non dare corso agli impegni assunti a seguito dello sciopero del 31 marzo, che ha visto migliaia di lavoratori in piazza, a Palermo". Cosi', i sindacati nel pomeriggio di oggi hanno preso carta e penna e inviato una dura nota al presidente della Regione, Raffaele Lombardo. A firmarla, Italo Tripi per la Cgil, Maurizio Bernava della Cisl e Claudio Barone della Uil. I confederali denunciano "l'impasse istituzionale di questi ultimi giorni" e danno "ventiquattr'ore di tempo al governo affinche' adempia agli impegni assunti".

In mancanza di riscontri, sostiene la Cisl, "i sindacati di categoria daranno vita a ulteriori iniziative di mobilitazione, compreso il ricorso ad altri giorni di sciopero".
E per le 17,30 di domani, a Ragusa, le organizzazioni della scuola di Cgil Cisl e Uil hanno organizzato "un primo sit-in di protesta contro l'assessore Incardona". Si svolgera' in piazza Liberta'. Con lo sciopero di martedi', spiegano, "abbiamo chiesto interventi urgenti per l'avvio delle attivita', la corresponsione delle retribuzioni; lo stop all'espansione del sistema con l'ingresso di nuovi enti. E procedure di concertazione per il riordino legislativo e amministrativo del settore". "I segnali che arrivano - sottolineano Cgil Cisl e Uil - sono invece tutt'altro che rassicuranti: le procedure che si intendono seguire sono farraginose e burocraticamente lunghe sia per l'erogazione dei quattro dodicesimi di retribuzione sia riguardo all'inizio delle attivita' formative, secondo le indicazioni della seduta del 5 marzo della commissione regionale per l'impiego".