Live Sicilia

Palermo, via Federico

Grosso incendio alla Fiat
Nube tossica sulla zona


Articolo letto 788 volte

Una nube tossica si è levata nel tardo pomeriggio da via Imperatore Federico a Palermo. I magazzini dei ricambi del Fiat center (il concessionario più grande di tutta la Sicilia) sono andati a fuoco. Bruciati dalle fiamme soprattutto le componenti di plastica e pneumatici che hanno generato un fumo denso. In tutto il circondario aria irrespirabile

VOTA
0/5
0 voti

concessionaria, fiat, fuoco, incendio, palermo, rogo, via imperatore federico, Cronaca

Una nube tossica si è levata nel tardo pomeriggio da via Imperatore Federico a Palermo. I magazzini dei ricambi del Fiat center (il concessionario più grande di tutta la Sicilia) sono andati a fuoco. Bruciati dalle fiamme soprattutto le componenti di plastica e pneumatici che hanno generato un fumo denso. In tutto il circondario aria irrespirabile.  Il magazzino si trova sotto il livello della strada dove, invece, si trovano gli effici e l'esposizione delle tre concessionarie: Fiat, Lancia e Alfa Romeo.

Il guardiano del magazzino, intossicato, è stato soccorso ma avrebbe rifiutato il ricovero in ospedale preferendo tornare a casa. Cinque squadre dei vigili del fuoco con autopompe hanno occupato la strada, chiusa al transito dalla Fiera del Mediterraneo all'incrocio con viale del Fante,  e si sono messe all'opera per domare le fiamme. L'area del deposito è, infatti, molto estesa e l'area aperta al pubblico delle tre concessionarie era invasa dal fumo.

Il fantasma che girava attorno a questo incendio è quello del gruppo di vandali che, in questi giorni, stanno bruciando auto in diverse zone della città. Un'ipotesi, al momento, non tenuta molto in considerazione considerato l'orario (circa le 18 e 45) e il fatto che, comunque, nel deposito c'erano delle persone che si sono date alla fuga alle prime fiamme. Quella che appare una possibilità concreta è l'ipotesi di un cortocircuito alla base dell'incendio. La polizia ha aperto un'inchiesta e la scientifica sta compiendo i primi rilievi. I risultati saranno consegnati alla procura di Palermo.