Live Sicilia

Incardona a Bernava:
"Nessun atto illegittimo"


Articolo letto 508 volte

VOTA
0/5
0 voti

2009, assessore, bernava, formazione, incardona, piano, regione siciliana, responsabilità, sicilia, Politica
"A questo punto, Bernava non può lasciare i siciliani con il fiato sospeso: dica chiaramente quali sono gli atti illegittimi che avrei compiuto o che, per usare le sue parole, continuo a compiere. E, già che c'è, spieghi ai settemila lavoratori della formazione professionale in cosa consista l'illegittimità di questi atti. E, a costoro, aggiunga anche che gli ultimi atti dell'assessore sono stati valutati positivamente dai sindacalisti della Cisl perché vanno nella direzione degli impegni assunti dal governo regionale il 31 marzo".

Lo ha detto l'assessore al Lavoro, Carmelo Incardona, commentando quanto detto oggi dal segretario generale della Cisl siciliana, Maurizio Bernava. "A meno che, Bernava, non si riferisca - prosegue Incardona - a qualcuno degli atti posti in essere dal dipartimento della Formazione. In questo caso, lo esorto a indicare gli atti illegittimi, in modo da poter procedere alla loro pronta revoca e alla segnalazione al presidente Lombardo. In realtà, l'impressione è che Bernava usi questi toni accesi e bellicosi per acredine e rancore nei miei confronti, a causa delle polemiche che ci hanno contrapposto nei mesi scorsi. Non apprezzo la sua tendenza alla demagogia e alla mistificazione dei fatti, ma concordo pienamente con lui sulla necessità di porre la legalità e la trasparenza come basi per la formazione professionale. Ho sempre agito così, in questi pochi mesi in cui mi sono occupato di formazione".

"Stiamo già lavorando - aggiunge l'assessore - alla riforma del settore. Chiedo a lui, che, da anni si occupa di formazione, come segretario di un sindacato fortemente radicato nel sistema, attraverso lo Ial, di offrire un contributo di proposte e non, per una volta, di insulti, invettive e illazioni. Infine, chiedo a Bernava perché, lui che invoca a gran voce legalità e trasparenza, non ha mai allontanato la Cisl da questo verminaio di illegalità che ritiene sia la Formazione professionale e perché ha consentito che l'ente della Cisl prosperasse con questo sistema".