Live Sicilia

Si dovrà seguire anche un corso antiracket

Rivoluzione nell'impresa,
arriva la formazione obbligatoria


Articolo letto 503 volte

VOTA
0/5
0 voti

agenti di commercio, antiracket, commercio, formazione, impresa, intermediazione affari, rappresentanti, sicilia, Economia
Secondo le nuove regole regionali requisito indispensabile per l'esercizio di un'attività commerciale sarà  l'aver frequentato, con esito positivo, un corso professionale istituito, o riconosciuto, dalla Regione siciliana. L'assessore al Commercio, Roberto Di Mauro, ha firmato il decreto disciplina il riconoscimento dei corsi professionali che abilitano gli operatori all'attività di somministrazione di alimenti e bevande, all'attività di agente e rappresentante di commercio e all'attività di agente per l'intermediazione d'affari. Il provvedimento, oltre a rileggere le precedenti normative, contiene alcune novità.

Al personale assunto stabilmente dall'ente di formazione dovrà essere applicato il contratto nazionale di lavoro della categoria, e una parte del monte ore a disposizione dell'ente dovrà essere obbligatoriamente impiegato all'insegnamento della legislazione vigente in materia di antiracket e di sicurezza nei luoghi di lavoro.

Le nuove regole impongono, inoltre, una particolare attenzione alle materie igienico-sanitarie, alla dichiarazione di inizio attività (DIA) ed alle responsabilità di autocontrollo dell'imprenditore in materia sanitaria.

"Conoscere la normativa a favore delle vittime dell'usura - ha detto Di Mauro -, fornire informazioni adeguate in merito alla sicurezza e all'igiene, non significa solo tutela, ma anche prevenzione. Avere cognizione della realtà e del territorio in cui si opera consente di analizzare e gestire il luogo in cui si opera, valutandone gli eventuali rischi".

I corsi abilitanti per l'esercizio dell'attività di commercio nel settore merceologico alimentare e per la somministrazione di alimenti e bevande potranno essere organizzati, in via prioritaria, dalle associazioni di categoria del commercio più rappresentative a livello provinciale, dagli enti costituiti dalle stesse associazioni, dagli enti di formazione professionale previsti dalla legge regionale 24 del 6 marzo 1976, dalle camere di commercio, e dagli enti che siano emanazioni delle organizzazioni democratiche e nazionali dei lavoratori dipendenti e autonomi, di associazioni, di imprese cooperative e loro consorzi, nel cui statuto sia prevista tra i propri fini istituzionali la formazione professionale

I corsi per agenti e rappresentanti di commercio potranno essere organizzati dalle associazioni di categoria più rappresentative a livello provinciale; dagli enti costituiti dalle stesse associazioni; dall'Enasarco; dalle camere di commercio; da enti pubblici o privati che abbiano tra i propri fini istituzionali la formazione professionale.

I corsi per mediatori potranno essere organizzati dalle associazioni di categoria più rappresentative a livello provinciale; dagli enti costituiti dalle suddette associazioni; dalle camere di commercio; dagli enti di formazione professionale previsti dalla legge regionale 24 del 6 marzo 1976

I soggetti autorizzati alla realizzazione dei corsi dall'assessorato al Commercio, attraverso la stipula di apposita convenzione, dovranno assicurare: strutture, capacità organizzativa e attrezzature idonee; il controllo sociale delle attività; l'applicazione per il personale del contratto nazionale di lavoro di categoria e di non perseguire scopi di lucro.

Ogni corso si concluderà con un esame e scrutinio finale. Gli attestati di idoneità saranno predisposti e rilasciati dall'assessorato.