Live Sicilia

A Palermo

Targhe anche alle carrozze


Articolo letto 2.134 volte

VOTA
0/5
0 voti

bruscia, carrozze, enea, gnori, palermo, targhe, Cultura e Spettacolo
Avranno le targhe e saranno passibili di multa, cosi' come dispone il Codice della strada. Una piccola rivoluzione prevista dal Comune di Palermo accompagnera', d'ora in avanti, le corse cittadine delle carrozze: due piccole lastre di metallo con il numero di immatricolazione dovranno essere apposte, obbligatoriamente, sulla parte anteriore e posteriore di tutti i veicoli a trazione animale.

La consegna delle targhe

La consegna delle targhe



Questa mattina, a Villa Niscemi, Pippo Enea e Felice Bruscia, assessori alle Risorse Immobiliari e alle Attivita' produttive, hanno consegnato le prime cinque targhe ai conducenti di carrozze pubbliche. Presente anche il consigliere comunale Girolamo Russo.

"Con questo provvedimento - ha spiegato Enea - continuiamo un percorso di legalita' che ha come obiettivo non solo quello di regolamentare un servizio pubblico e di tutelare l'intera categoria, ma anche di garantire le condizioni di sicurezza del passeggero e del conducente. Il dato identificativo apposto sulle carrozze consentira' alle forze dell'ordine di controllare che non ci siano violazioni e di garantire un adeguato svolgimento del servizio".

"Questo provvedimento - ha aggiunto l'assessore Bruscia - consente all'Amministrazione comunale di conoscere con assoluta certezza il numero delle carrozze da nolo che circolano in citta'. Si tratta, quindi, di un ulteriore tassello nella lotta all'abusivismo, un forte segnale di legalita' che non solo regolamenta un settore che, finora, e' stato terra di nessuno, ma che tutela gli utenti da eventuali abusi. Il mio obiettivo, inoltre, in accordo con l'assessore al Turismo, e' quello di predisporre dei percorsi guidati alla scoperta della citta' proprio con l'ausilio delle carrozze". Il Comune di Palermo puo' rilasciare fino a 60 licenze, cosi' come previsto dal "Regolamento per la disciplina del servizio pubblico di noleggio veicoli a trazione animale con conducente" approvato dal Consiglio comunale nell'aprile 2007.

Sono poi i cocchieri a richiedere al settore Attivita' produttive il rilascio delle targhe per le vetture. Al momento sono state inoltrate al Servizio autoparco del Comune, che si occupa di collaudare e predisporre le targhe per le carrozze, 34 pratiche di immatricolazione, tante quante sono le licenze concesse finora.

L'Amministrazione comunale puo' ancora rilasciare altre 26 licenze per raggiungere il tetto massimo consentito dalla delibera del Consiglio comunale. I vetturini che vorranno inoltrare al settore Attivita' produttive una formale richiesta per il rilascio della targa dovranno dimostrare, come hanno gia' fatto i loro colleghi, di essere in possesso di regolare licenza, di essere iscritti come conducenti nell'apposito albo predisposto dalla Camera di commercio di Palermo e dovranno presentare la documentazione rilasciata dalla Asl in cui si attesta che il cavallo utilizzato per il servizio pubblico e' fisicamente idoneo. La licenza, che ha validita' a tempo indeterminato, deve comunque essere vidimata ogni tre anni.

I veicoli devono corrispondere a precise caratteristiche previste dal Codice della strada e, in questo caso, il cantiere municipale ha l'obbligo di verificare che le vetture siano dotate di un vano bagagli e di tutti i supporti necessari per consentire il trasporto di persone diversamente abili.

Per quanto riguarda le tariffe, il corrispettivo del trasporto viene concordato tra l'utente e il vetturino, mentre quest'ultimo mantiene sempre l'obbligo di esporre le tabelle con le tariffe applicate per percorsi prestabiliti in italiano, inglese, francese e tedesco.
La Polizia municipale avra' il compito di sanzionare le vetture in caso di violazione del Codice della strada e nei casi in cui il veicolo e il cavallo non risultino idonei all'espletamento del servizio.