Live Sicilia

Terremoto e solidarietà

Le lacrime di Buscemi
Parte una carovana di aiuti


Articolo letto 667 volte

VOTA
0/5
0 voti

abruzzo, carovana, italia, palermo, paola, piono, provincia, puglisi, solidarietà, terremoto, Cronaca
Partirà giovedì, 16 aprile, il contingente di aiuti stanziato dalla Protezione civile della Provincia regionale di Palermo per l'emergenza terremoto in Abruzzo. Mezzi e personale specializzato si imbarcheranno al porto del capoluogo alla volta di Civitavecchia, e da qui raggiungeranno il campo allestito a Tornimparte (Aq), dove sarà già presente la delegazione del dipartimento della Protezione civile regionale.
Oltre ai 40 uomini - tra tecnici dipendenti della Provincia e volontari - e ai 6 mezzi pesanti, faranno parte della spedizione, guidata dall'assessore provinciale alla Protezione civile Gigi Tomasino, anche un'ambulanza con un medico e un infermiere a bordo, altri sei tecnici, tra speleologi, architetti e ingegneri del Corpo nazionale di Soccorso alpino e speleologico, altri venti volontari. "Abbiamo predisposto un contributo concreto - dichiara il presidente della Provincia di Palermo, Giovani Avanti - in base alle richieste pervenute dagli operatori già impegnati in Abruzzo e in base alle professionalità che la Provincia ha all'interno del suo organico. E nonostante il periodo festivo - continua Avanti - abbiamo ricevuto nuove adesioni da parte delle associazioni che raccolgono operatori esperti e volontari. Un segno importante di quanto si possa fare anche in ambito locale con il coordinamento di una Pubblica amministrazione e la disponibilita' e la generosità di tanti comuni cittadini".
Il personale messo a disposizione dalla Provincia avrà prevalentemente il compito di effettuare sopralluoghi negli immobili a rischio e monitorare lo "stato dell'arte" delle strutture edilizie nei comuni colpiti. Dolore e commozione, intanto, oggi a Buscemi, in provincia di Siracusa, dove sono stati celebrati i funerali di Paola Puglisi, 62 anni, e del figlio Pino Italia, 44 anni, vittime del violento terremoto dell'Abruzzo. La funzione religiosa si è tenuta nella chiesa madre del paese. Presenti, accanto alle bare, le altre due figlie della donna scampate alla tragedia. Oggi a Buscemi è stato proclamato il lutto cittadino.