Live Sicilia

Il ricordo degli amici dell'attore

"Come erano luminosi i suoi occhi"


Articolo letto 799 volte

VOTA
0/5
0 voti

betti cicirello, franco zappaà, lollo franco, malvina, marco feo, Cronaca

Malvina aveva fiducia nell'aria chiusa che portava in tasca, nel respiro che poteva liberare con una semplice pressione del dito. Lo chiamano Ventolin. E' la salvezza degli allergici e degli asmatici. Un piccolo amuleto tascabile, una boccetta dedicata alla fede cieca nella salute. Il soffio vitale, stavolta, non è bastato. Chissà perché è morta Malvina. Gli amici dicono che era allergica alle arachidi. Gli amici dicono che era felice perché aveva superato un problema alla tiroide. Gli amici dicono che non dimenticheranno mai i suoi occhi, le pupille luminose di Malvina.

Parla il pittore Alessandro Bronzini, buon amico del grande attore palermitano: “Avevano uno splendido rapporto. Un legame speciale. Lollo è un uomo buonissimo. Alle volte un po' rude. Però con lei era unico”. Lollo Franco è un nome splendente del teatro, è un povero padre. Chi l'ha accostato oggi in ospedale racconta le sue lacrime, così preziose, così rare. E con Malvina e con l'altro figlio “era uno zucchero”, spiega Bronzini.

Lollo Franco, gran maestro e stregone del cuore degli uomini che vanno a teatro, regista geniale e ispido, uomo duro quando serve, padre crocifisso al legno del suo dolore.

Parla Marco Feo, attore: “Lollo diceva che i suoi figli non volevano stare in teatro con lui. Avevano scelto altri mondi. In fondo era contento. La magia del teatro nasconde troppe insidie”.

Parla Betty Cicirello, attrice: “Ricordo Malvina da piccola. Una bambina bellissima. Lollo è un po' come il Mangiafuoco di Pinocchio. Ruggisce per nascondere la tenerezza che lo renderebbe fragile. Sono andata a trovarla. Ho incontrato un attore senza più maschere”. Un volto nudo, contratto nel pianto.

Parla Franco Zappalà, imprenditore dell'arte, regista e attore: “Lollo era venuto a trovarmi qualche giorno fa. Mi raccontava di Malvina che aveva superato una brutta operazione alla tiroide. Era felice, parlava, parlava e non la smetteva più. L'ho incontrata due volte. Ricordo i suoi occhi”. Stasera veglia funebre al Gonzaga di via Ugdulena. Domani la messa alle dieci.