Live Sicilia

Ritardi e disservizi

Lombardo: "Danneggia i Siciliani
Chiederò risarcimento ad Alitalia"


Articolo letto 536 volte

VOTA
0/5
0 voti

alitalia, cai, class action, Cronaca, lombardo, massimo russo, regione, risarcimento, ritardi, sicilia, titti bufardeci, trasporti, voli, Cronaca
Il presidente Raffaele Lombardo

Il presidente Raffaele Lombardo



"Si parla, spesso senza cognizione, dell'opportunita' della realizzazione del ponte sullo Stretto di Messina. Sarebbe molto interessante, invece, un dibattito sui disagi, i danni e i maltrattamenti a cui sono costretti i siciliani che si spostano per lavoro in aereo, soprattutto utilizzando i servizi della nuova compagnia Alitalia-Airone".
Lo afferma il presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, da Fiumicino, "dopo i rinvii - si legge in una nota di Palazzo d'Orleans - del volo Roma-Catania delle 13.10, rimbalzato dalla porta A12 alla A8 e poi ancora alla A13".
"Ho fatto due volte il giro dell'aeroporto di Roma, e nessuno sa dirmi se e quando sara' possibile tornare in Sicilia - aggiunge Lombardo -. Saltano uno dopo l'altro importantissimi appuntamenti istituzionali e cio' procura un indiscutibile danno, non solo d'immagine, a tutta l'amministrazione regionale. Quindici giorni fa, per un caso analogo, ho gia' presentato una richiesta di risarcimento per i danni subiti dalla Regione. Il segretario generale della presidenza sta per presentarne una anche oggi. E credo opportuno - conclude Lombardo - mettere a disposizione i siti internet della Regione per raccogliere dati e adesioni per una vertenza giudiziaria collettiva contro la Compagnia aerea italiana."

Lassessore alla Sanità Massimo Russo

L'assessore alla Sanità Massimo Russo



E la polemica non riguarda solo le vicende "aeree" del presidente della Regione. Aspre critiche contro Alitalia giungono anche dall'assessore alla Sanità Massimo Russo: "Non puo' trattarsi di una coincidenza  - ha raccontato Russo - ma proprio oggi, anche io, come centinaia di altri passeggeri, sono stato costretto a subire un inaccettabile ritardo, aspettando per circa due ore e mezza la partenza di un volo Alitalia Palermo-Fiumicino che era prevista per le 10 e che invece e' avvenuta soltanto alle 12.40".
"L'ingiustificabile ritardo di oggi - ha proseguito l'assessore - ha provocato un enorme disagio istituzionale, oltre che mio personale, dal momento che mi ha fatto saltare alcuni importanti appuntamenti a Roma, fra cui quello alla commissione Salute del ministero, dove si dovevano prendere importanti decisioni. Ma voglio anche farmi portavoce del disagio degli altri passeggeri del volo: c'e' chi ha perduto la coincidenza aerea, chi la visita medica, chi importanti riunioni di lavoro. Con l'aggravante che non sono state fornite nemmeno convincenti spiegazioni su quanto stava accadendo: ne' in sala d'aspetto ne' a bordo dell'aereo dove abbiamo atteso la partenza per oltre mezzora".

Oltre alle lamentele, però, da Palazzo d'Orleans giungono propositi bellicosi: "Anche io - ha concluso infatti Russo -  mi attivero' immediatamente con la presidenza della Regione - conclude Russo - affinche' venga avanzata alla compagnia aerea una richiesta di risarcimento per i danni subiti. E' intollerabile e incivile che i cittadini siciliani siano ancora cosi' fortemente penalizzati nel settore del trasporto aereo e bene ha fatto il presidente Lombardo a invitare i cittadini siciliani a far sentire la propria voce".
Secondo l'assessore regionale ai Trasporti, Titti Bufardeci, infine, è il momento "di avviare una class action contro Alitalia". "Se fino ad oggi - ha concluso Bufardeci - la Regione e' stata protagonista nel promuovere interventi per sostenere e migliorare il sistema di collegamento aereo, come dimostrano gli investimenti realizzati e programmati per la rete aeroportuale siciliana, va anche detto che i nostri sforzi - conclude Bufardeci - rischiano di essere resi vani da una politica della Cai sin troppo distratta verso le esigenza della Sicilia, del suo turismo e della sua economia"