Live Sicilia

Palermo

La protesta dei rigattieri a Bellolampo
Un uomo arrestato, 41 denunciati


Articolo letto 375 volte

VOTA
0/5
0 voti

bellolampo, discarica, manifestazione, palermo, protesta, rigattieri, Cronaca
Polizia e carabinieri sono intervenuti presso la discarica di Bellolampo, a Palermo, dove da questa notte 41 ambulanti addetti alla raccolta di materiale ferroso hanno impedito l'accesso agli autocompattatori dell'Azienda Amia, determinando il blocco delle operazioni di conferimento di rifiuti solidi urbani del capoluogo e dei comuni della Provincia.
L'arrivo delle forze dell'ordine ha portato i manifestanti ad allontanarsi pacificamente dal luogo, consentendo la ripresa delle attivita' di sversamento dei rifiuti.
Tutti i 41 manifestanti che hanno partecipato alla protesta sono stati identificati dai poliziotti e verrano denunciati per partecipazione di manifestazione non preavvisata e interruzione di pubblico servizio. Sono stati sottoposti a sequestro preventivo due autocarri utilizzati per la realizzazione del blocco davanti all'ingresso della discarica.
Mentre i manifestanti si allontanavano, gli agenti hanno proceduto al controllo di Gioacchino Zerbo, 32 anni, palermitano che, pur non appartenendo alla categoria dei dimostranti, era riuscito a raggiungere la discarica confondendosi tra i rigattieri ed inveendo nei confronti dei poliziotti presenti.
Invitato ad allontanarsi, ha reagito violentemente ed ha ferito due agenti. Cosi' e' stato arrestato per violenza, resistenza, lesioni a pubblico ufficiale e anche per essersi rifiutato di fornire le proprie generalita'.
Ieri la polizia ha arrestato Michele Cascino, 29 anni, anche lui palermitano. Il giovane e' stato fermato nel corso dei disordini avvenuti davanti Palazzo delle Aquile e deve rispondere di tentato omicidio in concorso con persone rimaste ignote, resistenza e lesione a pubblico ufficiale.