Live Sicilia

MALTEMPO. Le vittime due sessantenni

Incidenti fatali: due morti
a Palermo e nel Messinese


Articolo letto 512 volte

VOTA
0/5
0 voti

cancellati, Cronaca, maltempo, morto, palermo, punta raisi, vento, vigili del fuoco, villa trabia, voli dirottati, Cronaca
Il maltempo ha fatto una vittima a Palermo. Secondo le prime informazioni dovrebbe trattarsi di un uomo colpito da un ramo a Villa Trabia, un operaio della Gesip, forse il custode della villa. Si chiamava Rosario Cona, 63 anni. Il decesso sarebbe avvenuto dopo il trasporto all'ospedale di Villa Sofia.
Il Comune di Palermo paghera' le spese del funerale di Rosario Cona, 63 anni, l'operaio della Gesip rimasto vittima di un incidente durante le ore di lavoro a causa del forte vento. Lo ha disposto il sindaco Diego Cammarata che ha manifestato anche profondo cordoglio alla famiglia per l'improvvisa e tragica scomparsa del congiunto. Il vicesindaco Mario Milone, in rappresentanza del sindaco al quale problemi di salute hanno impedito stamane di recarsi alla camera mortuaria, ha gia' reso visita alla salma. Fin dai momenti successivi alla disgrazia vicino ai familiari sono stati il vicepresidente di Gesip Stefano Mangano e il direttore Giacomo Palazzolo.
"Oggi e' un giorno di lutto - ha detto il sindaco Cammarata - non solo per la famiglia ma per l'intera amministrazione comunale. Sebbene si sia trattato di una fatalita', determinata dal vento fortissimo, l'amministrazione vuole manifestare ai familiari di Rosario Cona le piu' sentite condoglianze".

Altra vittima del maltempo, nel Messinese. Un uomo di 62 anni, Rosario La Spina, ha perso la vita stamani schiacciato da un cancello di ferro di un'abitazione di contrada Vera, a Rometta Marea.
Secondo la ricostruzione dei carabinieri, La Spina si era recato nell'abitazione di proprieta' di un amico, su richiesta di quest'ultimo, per controllare i cani. Una violenta folata di vento ha pero' fatto uscito dai binari il cancello  dell'abitazione che gli e' caduto addosso, uccidendolo sul colpo.

In tilt i centralini dei Vigili del Fuoco
Intanto, il forte vento di scirocco che da stamattina spazza Palermo sta mettendo in ginocchio citta' e provincia. Centinaia le chiamate, che stanno mandando in tilt i centralini dei vigili del fuoco. La maggior parte delle richieste riguardano al momento alberi sdradicati, cartelloni pubblicitari e pali della luce divelti.
Il forte vento di stamattina ha anche causato la caduta di un grosso muro in via Perpignano. Per fortuna il crollo non ha avuto gravi conseguenze. Un'abitazione rurale, a causa delle avverse condizioni atmosferiche e delle forti raffiche di vento, e' crollata e si e' abbattuta su un immobile adiacente, danneggiandolo, in contrada Boschetto, a Lascari, nel palermitano. Nessuno e' rimasto ferito. Sul posto, in via Senia, sono giunti carabinieri e vigili del fuoco. Accertamenti sono in corso per quantificare i danni. La casa rurale e' di proprieta' di una pensionata di Termini Imerese. Nel crollo ha danneggiato altre due abitazioni.

Un albero per il forte vento e' caduto invece in via Principe di Villafranca, danneggiando due auto in sosta: una Mercedes A 180 ed una Peugeot 106.
A Palermo e' stato anche chiuso al traffico in via precauzionale un tratto di corso Vittorio Emanuele, nei pressi di Palazzo Bordonaro. Dall'edificio in ristrutturazione si sono staccate infatti delle coperture in lamiera. Sul posto si trovano una squadra dei vigili del fuoco, e agenti della polizia di Stato e dei vigili urbani.
In piazza Castelnuovo traffico in tilt a causa di un cavo elettrico strappato dal vento. A presidiare la zona ci sono i carabinieri.

Punta Raisi. Voli cancellati e dirottati
Secondo quanto rende noto l'Enac al momento nove voli sono stati dirottati sugli scali di Catania e Trapani e altri sette in partenza sono stati cancellati. Si sono registrate raffiche fino a 72 nodi e la torre di controllo dell'aeroporto e' stata evacuata per 10 minuti, dalle 9.15 alle 9.25, a causa delle oscillazioni della struttura provocate dalle intense raffiche di vento.
L'intensita' media del vento attualmente e' di 37 nodi mentre quella delle raffiche e' di 56 anche se l'angolazione di quest'ultime e' tale da impedire gli atterraggi dei voli in arrivo. Il vento intenso e' previsto per tutta la mattinata e saranno dunque probabili altri dirottamenti sugli aeroporti di Catania e Trapani e altre cancellazioni dei voli.
Per dieci minuti e' stato necessario anche sgomberare la torre di controllo a causa del vento che soffiava a quasi 130 chilometri orari.
Numerosi anche i voli in partenza dallo scalo palermitano che sono stati cancellati. Tra questi i voli Alitalia-Cai AP2971 delle 9.15, per Milano Linate; AP2857 delle 10, diretto a Roma Fiumicino; AZ1762 delle 10.25, diretto a Venezia; AP2831 delle 12, per Roma Fiumicino.
Disagi anche per chi viaggia in aereo da e per le isole minori. Sono stati cancellati per il forte vento i voli Meridiana in arrivo nello scalo palermitano da Pantelleria (IG1336 delle ore 10.50) e Lampedusa (IG1308 delle ore 10.25). Di conseguenza sono saltati anche i successivi voli in programma al Falcone Borsellino per Pantelleria (IG1329 delle ore 12), e per Lampedusa (IG1301 delle ore 11.05).

Eolie "isolate"
Le mareggiate si sono abbattute sulle sette isole creando danni e disagi alle strutture portuali. A Lipari i marosi hanno invaso i litorali di Marina Corta e Marina Lunga. Nel porticciolo rifugio di Pignataro, affollato di pescherecci e natanti da diporto la furia del vento ha affondato un natante. Altri due imbarcazioni hanno rotto gli ormeggi. Il mare ha invaso la strada.