Live Sicilia

Nell'Agrigentino, colpita la famiglia Stracuzzi

Società, beni mobili e immobili
Sequestro da 30 milioni


Articolo letto 828 volte

Beni per un valore di circa 30 milioni di euro, riconducibili alla famiglia mafiosa Stracuzzi dell'agrigentino, sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza. Il provvedimento è stato disposto dal Tribunale di Agrigento su richiesta dei magistrati della Dda di Palermo

VOTA
0/5
0 voti

agrigento, guardia di finanza, immobili, mafia, sequestro beni mafiosi, società, stracuzzi, Cronaca
Beni per un valore di circa 30 milioni di euro, riconducibili alla famiglia mafiosa Stracuzzi dell'agrigentino, sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza. Il provvedimento è stato disposto dal Tribunale di Agrigento su richiesta dei magistrati della Dda di Palermo.

Sono stati sottoposti a sequestro preventivo quote societarie e beni di sette società; attività riconducibili a due imprese individuali; conti correnti e dossier titoli; 146 unità immobiliari, di cui 27 fabbricati (estesi 4.690 metri quadrati), 88 appezzamenti di terreno e 31 lotti edificabili (estesi 872.559 metri quadrati); tre capannoni industriali; 57 automezzi tra cui autocarri, escavatori, pale meccaniche e 3 Mercedes di grossa cilindrata; una cava di sabbia e pietrisco; un impianto di calcestruzzo di rilevanti dimensioni.

L'attività investigativa è iniziata nel giugno del 2007 allorquando la Dda di Palermo ha richiesto al Nucleo di Polizia Tributaria di Agrigento l'esecuzione di indagini nei confronti di Giuseppe Stracuzzi, di 71 anni, e del figlio Angelo, di 41 anni, entrambi sottoposti alla misura della sorveglianza speciale ed indicati come appartenenti ad associazione di stampo mafioso. Gli investigatori avevano riscontrato la diretta o indiretta disponibilità di beni in evidente sproporzione con i redditi dichiarati e nutrivano il sospetto che le attività economiche svolte fossero frutto di proventi illeciti e ne costituissero il reimpiego.