Live Sicilia

Al campo di allenamenti del Palermo

Entrano al "Tenente Onorato" e rubano
medicinali: arrestati due minorenni


Articolo letto 566 volte

VOTA
0/5
0 voti

allenamento palermo, arresti minorenni, campo palermo, palermo calcio, tenente onorato, Cronaca
La palestra del Tenente Onorato

La palestra del "Tenente Onorato"



I carabinieri li hanno sorpresi mentre rubavano materiale sanitario dagli spogliatoi dello stadio militare "Tenente Onorato", di via Giuseppe De Marco, a Palermo.
In manette per furto aggravato sono finiti due minorenni L.C.D., 16 anni, e F.G., 17 anni, entrambi palermitani.
I due poco prima avevano tentato invano di rubare attrezzature ginniche ed equipaggiamento del Palermo Calcio che tiene le sue sessioni d'allenamento proprio presso quella struttura sportiva.
Solo la resistenza della robusta porta d'ingresso ha evitato che i giovani potessero far incetta di palloni, completi, tute e scarpette, costringendoli ad accontentarsi del solo materiale sanitario custodito in un magazzino adiacente del quale sono riusciti a scardinare la porta. Sicuramente, se il colpo fosse andato a buon fine, la refurtiva sarebbe stata rivenduta sul mercato clandestino, assicurando ai due giovani ladri un proficuo guadagno.
La refurtiva interamente recuperata dai militari dell'Arma e' stata restituita al custode, mentre i minori, dichiarati in stato d'arresto, con l'accusa di furto aggravato, sono stati associati presso il Centro di prima Accoglienza "Morvillo", a disposizione dell'Autorita' Giudiziaria per i minorenni.
I due arresti, operati dai Carabinieri della Compagnia San Lorenzo, rientrano nell'ambito dell'operazione denominata "Primo maggio sicuro", disposta dal Comandante Provinciale dei Carabinieri Teo Luzi, che ha intensificato i controlli e le pattuglie sul territorio per garantire ai cittadini un ponte, tradizionalmente dedicato alle gite fuori porta e alle scampagnate, all'insegna della sicurezza. Controlli a 360 gradi, volti in particolare alla prevenzione e alla repressione delle violazioni al Codice della Strada, dei reati contro il patrimonio e dello spaccio di sostanze stupefacenti.