Live Sicilia

Marcello Dell'Utri intervistato a Klauscondicio

"Lombardo senza di noi non fa nulla
La mafia? Lo Stato faccia come Mori"


Articolo letto 403 volte

VOTA
0/5
0 voti

cesare mori, governatore sicilia, marcello dell'utri, pdl, popolo della libertà, prefetto mori, presidente regione sicilia, raffaele lombardo, senatore, Cronaca, Politica
"Senza di noi Raffaele Lombardo non fa nulla". Marcello Dell'Utri non va tanto per il sottile. Secondo lui, i "margini di manovra" del Governatore sono condizionati dalle decisioni del massimo partito al governo in Sicilia e in Italia. Questo il senso delle parole del senatore in una intervista rilasciata a Klauscondicio (www.youtube.com/klauscondicio).
Dell'Utri, poi, ha aggiunto:  "Certamente Lombardo deve trovare un modus vivendi forse piu' giusto, piu' consono, piu' attento nei confronti di chi lo ha portato alla maggioranza".

Altro tema dell'intervista, la mafia. Dell'Utri, condannato in primo grado per concorso esterno in associazione mafiosa, ha indicato come esempio della lotta a Cosa nostra il prefetto Mori: "Lo Stato dopo la guerra - ha detto l'esponente del Pdl - avrebbe forse dovuto usare i metodi del prefetto Cesare Mori per debellare definitivamente la mafia. Il suo metodo - ha aggiunto - ha funzionato perche' si basava sulla forza. Stanavano i mafiosi o i ritenuti tali dalle case e li buttavano in una cella. I processi erano una cosa sommaria, Mori ha debellato la mafia, ma non l'ha annullata. Tant'e' vero che, dopo la guerra, la mafia si e' riproposta piu' organizzata di prima".