Live Sicilia

Il prossimo 5 giugno

Solidarietà, cultura e mondanità
A Catania gala di beneficenza


Articolo letto 440 volte

VOTA
0/5
0 voti

Catania, fondaazione turriziani, gala di beneficenza, la povertà nell'arte, nuove povertà, palazzo biscari, reverendo fabrizio turriziani colonna, Zapping
La Fondazione Turriziani per le nuove povertà in Italia ha scelto Catania per il gala di beneficenza "La povertà nell'arte", un evento che coniuga solidarietà, cultura e mondanità, in una serata il cui ricavato sarà interamente devoluto alla mensa delle suore di Madre Teresa di Calcutta, vicino la stazione centrale etnea. Tra gli organizzatori Corrado Labisi, amministratore delegato dell'Istituto psicopedagogico Lucia Mangano, iscritto all'Albo d'Oro dei benefattori della stessa Fondazione.

La Fondazione Turriziani è stata costituita dal Reverendo Don Fabrizio Turriziani Colonna, e persegue finalità assistenziali e sociali, mediante interventi finanziari, di norma sotto forma di contributi alle spese, istituzione di borse di studio e promozione di volontariato in Italia. "L'attività benefica della Fondazione - spiega Don Fabrizio - si rivolge principalmente a persone indigenti, inferme, portatrici di handicap, tossicodipendenti, colpite da gravi eventi dannosi o in situazioni simili di disagio, con particolare attenzione a bambini e anziani".

Il gala, che si terrà venerdì 5 giugno a Palazzo Biscari, è alla seconda edizione dell'evento dopo quello promosso a Palazzo Brancaccio, lo scorso 22 gennaio, a Roma. A relazionare su opere d'arte, stavolta tutte rigorosamente siciliane, ispirate al tema della povertà, il critico d'arte Vittorio Sgarbi, che ne farà un commento di ordine artistico ma anche sociale, psicologico e umano. "Tutto questo per sensibilizzare e fare animazione tra la gente - aggiunge Don Fabrizio - perché la povertà non è un realtà sconosciuta o mitologica, ma tocca tutti gli ambienti della vita sociale, compresa l'arte, espressione di coloro che hanno vissuto la povertà e l'hanno voluta ritrarre".
L'asta con le opere dell'artista siciliano Francesco Messina, anch'essa benefica, chiuderà la serata.