Live Sicilia

Premio Cinesicilia Film Festival
"Asade" vince tra gli over 25


Articolo letto 1.124 volte

VOTA
0/5
0 voti

asade, cinesicilia, daniele balboni, film festiva, Zapping
Una favola sull’amore e sull’integrazione, un viaggio alla ricerca della comunicazione tra culture e linguaggi diversi. “Asade”, corto firmato dal bolognese Daniele Balboni, con la protagonista iraniana Shideh Kish, è il vincitore del Primo Cinesicilia Film Festival per la categoria over 25, dedicato a “Lo sguardo clandestino” al termine della tre giorni di proiezioni e incontri che si è svolta al Cantieri culturali di Palermo. Ha prevalso su “Erytros”, l’altro corto finalista, girato con i rifugiati politici del Centro Baobab di Roma e firmato dal messinese Francesco Cannavà.
Per la categoria under 25 il vincitore è il poetico “Pensieri nascosti”, cinque minuti diretti dal catanese Emanuele Pisano. Per la categoria scuole secondarie di secondo grado, vince il liceo artistico statale di Palermo Damiani Almeyda con “We are here”, protagonisti gli allievi della IV A e la regia di Maria Muratore, insegnante di discipline pittoriche. Per la categoria scuole di primo grado, un ex aequo: vincitori “Dipende da te”, prodotto dall’Istituto comprensivo statale “Giovanni Falcone” di Copertino (Puglia), diretto da Marc Van Put, in cui le quattro microstorie del quotidiano di una scuola come tante danno occasione di riflettere sul significato delle scelte di vita. E “La mano di Nicola”, della scuola Silvio Boccone di Palermo, diretto da Silvio Paternò, una storia attraverso il tempo e l’ombra di Federico II. Infine, tra le sette sceneggiature in concorso, vince “Sivvuplé, una favola afrosiciliana” di Sebastiano Melloni.
A proclamare i vincitori, nella serata presentata da Tiziana Martorana che ieri ha visto ospite l’attrice Donatella Finocchiaro, la giuria presieduta dal regista e produttore Pasquale Scimeca e composta dal rettore del Centro educativo ignaziano Vincenzo Sibilio, dall’amministratore unico di Cinico Cinema Giuseppe Bisso, dal direttore generale del Centro sperimentale di cinematografia Marcello Foti, dal sociologo dell’Università di Palermo Antonio La Spina. Ai vincitori targhe e premi in denaro, che le scuole utilizzeranno per acquistare attrezzature.
“Questo Festival – dice Sergio Gelardi, presidente di Cinesicilia – è andato oltre ogni nostra previsione, per qualità delle opere e per attenzione del pubblico. La scelta del tema del confronto culturale, si è rivelatA poi di straordinaria attualità”. Soddisfatto anche il direttore artistico, Luciano Accomando: “Abbiamo cercato di veicolare attraverso la settima arte un messaggio Importante, quello dell’integrazione”.l
“Tre giorni fa – ha detto Marcello Foti – è partito il corso di docufiction proprio qui ai Cantieri, un’iniziativa del nostro Centro sperimentale, la scuola di cinema più antica del mondo, di fare della Sicilia una fucina di talenti. Iniziative come questo Festival ci rafforzano nell’idea di avere fatto la scelta giusta.”