Live Sicilia

Pedofilia

Violenza sui due figli minorenni
un arresto a Palermo


Articolo letto 501 volte

VOTA
0/5
0 voti

I poliziotti della sezione di P.G. presso la Procura per i Minorenni di Palermo hanno arrestato un 33enne palermitano responsabile di avere abusato sessualmente dei suoi due figli, un maschietto ed una femminuccia, minori di 10 anni e per il reato di maltrattamenti in famiglia, sempre nei confronti dei figli e della moglie. L'arresto e' avvenuto in esecuzione di un provvedimento di custodia cautelare in carcere emesso dal gip.
Le indagini, condotte dagli agenti, hanno fatto luce su una incredibile serie di atrocita' e di abusi perpetrati dal padre nei confronti dei due bambini.
Gia' nel 2007, in considerazione delle precarie condizioni igienico sanitarie e del grave stato di trascuratezza, era stato disposto l'allontanamento dei due piccoli dal contesto familiare e l'inserimento in strutture di accoglienza, con la possibilita' di frequentare l'ambiente domestico solo nei fine settimana.
Presso le strutture di accoglienza, a contatto con volontari ed assistenti sociali, i due minorenni, in particolare la bambina, mostrarono una inquietante attitudine a comportamenti sessualizzati che poco si addicevano alla loro giovanissima eta'.
Questa spiccata ed anomala tendenza della bambina, unita alla scoperta di evidenti lividi sulle parti intime notate di ritorno dai fine settimana trascorsi in casa con i genitori, spinsero l'autorita' giudiziaria ad avviare una indagine. La piccola racconto' di abusi consumati dal padre alternativamente con il fratellino di 9 anni, che interrogato confermo' quanto dichiarato dalla sorellina. Dai loro racconti emerse uno spaccato familiare impotente, se non connivente in ordine agli abusi commessi dal padre. Infatti, i poliziotti accertarono che tutti i familiari delle piccole vittime erano a conoscenza di quanto avveniva.
L'avere appreso degli abusi, secondo quanto reso noto dagli investigatori, provoco' soltanto una reazione di rabbia e di stizza da parte dei nonni materni, che subito dopo si trincerarono dietro una coltre di omerta' e reticenza utili a scansare le maldicenze.