Live Sicilia

Palermo, morte cerebrale per l'uomo

Aggredito a martellate:
sì all'espianto degli organi


Articolo letto 702 volte

VOTA
0/5
0 voti

aggressione, antonino raccuglia, conti tozzo, martellate, villa sofia, Cronaca, Politica
Antono Raccuglia non ce l'ha fatta. L'uomo, ferito da un folle che l'ha aggredito con un martello, è praticamente morto oggi alla clinica Villa Sofia. Per il sessantottenne, da ieri in coma farmacologico, è sopraggiunta la morte cerebrale. I medici non lasciano ormai spiragli: "Nel paziente - hanno detto - non vi sono più segni vitali tali da far presupporre un mantenimento in vita con strumenti meccanici". I figli hanno autorizzato l'espianto degli organi. Migliorano, invece, le condizioni della moglie, Marianna Ruvolo, ancora in osservazione all'ospedale Civico per gravi ferite alla testa.