Live Sicilia

Candidato con l'Alleanza di centro

“Totò Cuffaro candidato a Monreale”
Ma è solo un omonimo


Articolo letto 571 volte

VOTA
0/5
0 voti

alleanza di centro, candidato, elezioni amministrative, elezioni monreale, omonimia, pionati, salvatore cuffaro, Politica
Potenza di un nome. Qualcuno ricorderà quel vecchio film di Eddie Murphy in cui l'irresistibile attore si faceva eleggere al Congresso degli Stati Uniti con una mezza truffa, sfruttando la sua omonimia con un candidato che per anni era stato eletto nel suo collegio. Probabilmente quel film, “Il perfetto gentiluomo” si intitolava, avrà ispirato quelli dell'Alleanza di centro, il neonato movimento politico fondato dall'ex giornalista Rai Francesco Pionati, che stamattina hanno mandato un comunicato stampa urbi et orbi con cui annunciavano, già nell'oggetto della mail, la candidatura al consiglio comunale di Monreale, niente meno che di Totò Cuffaro. Ohibò, e che ci fa l'ex governatore, peraltro vicesegretario nazionale dell'Udc, in lista con un partitino fresco fresco come quello di Pionati, a sua volta fuoriuscito proprio dal partito di Casini? La notizia è ghiotta. E allora uno va a leggersi bene il comunicato, che recita, ammiccante:  “Tra i candidati al consiglio comunale vi è anche Salvatore Cuffaro (detto «Totò»)”. Un po' pochino per cotanto candidato. Il cronista prova a saperne di più chiamando il numero dell'ufficio stampa dei pionates locali ma riesce a parlare solo con la voce della “Tre”. Non resta che chiamare Cuffaro, che cade dalle nuvole: “No che non sono io”. Omonimia ci fu, e qualcuno ci ha giocato, con una strategia di marketing politico peraltro già sperimentata, quando in una consultazione regionale l'Udc mise in lista una certa Ester Cuffaro detta Totò per non disperdere i voti espressi per il politico di Raffadali. Ma il senatore tiene subito, con la consueta prontezza, a dettare un suo commento a caldo: “Di Totò Cuffaro in politica ce n'è già uno. E per molti è già troppo così”.