Live Sicilia

Teatro

In scena trittico di Salvo Licata


Articolo letto 560 volte

VOTA
0/5
0 voti

dipartimento arti comunicazione, facoltà lettere filosofia palermo, Rosemary Enea, salvo licata, Salvo Piparo, Sayoko Onishi, Zapping
Il teatro di Salvo Licata aprirà la serata di venerdì 22 maggio, alle ore 20, al Teatro Nuovo della Facoltà di Lettere e Filosofia di Palermo. Un omaggio al giornalista e drammaturgo, scomparso nel 2000, che per primo ha dato vita e voce al teatro politico nella Palermo degli anni Sessanta.

Un viaggio tra testi poetici e memoria per ripercorrere e rivivere alcune delle tappe più significative del copioso lavoro che Licata ha dedicato alla sua città, in scena ci sarà la figlia Costanza (voce e violino) che, insieme a Rosemary Enea (pianoforte e fisarmonica) di Al Madina e con la partecipazione di Giacomo Lucchese (tromba), riproporrà alcuni delle più belle canzoni scritte dal giornalista, nel periodo d'oro in cui lavorava con "i Travaglini", come: "Buio mafioso", "L'infame verità del consorzio umano" e "Un giorno al mare".

Ad arricchire la serata anche il contributo dell'attore Salvo Piparo che reciterà alcuni brani tratti da "C'era e c'era...", un testo tra l'ironico e il beffardo, che Licata ha dedicato al poeta da strada Peppe Schiera. Il programma di venerdì proseguirà poi con Fabio Palma in "Improvvisazioni di mimo" su versi di Anna Sica e si concluderà con l'esibizione di Sayoko Onishi in Magnificat (danza teatro-nuovo butoh).

L'incontro è organizzato dal Dipartimento di Arti e Comunicazioni e dal dottorato in Studi Culturali dell'Università di Palermo in collaborazione con la Facoltà di Lettere e Filosofia, la Facoltà di Scienze della Formazione e Broadway " Libreria dello Spettacolo". L'appuntamento di venerdì si inquadra all'interno della Settimana di Studi Teatrali sull'antico e attuale tema "Poesia e politica sulla scena" e si concluderà il 23 maggio.