Live Sicilia

Scontro totale alla Regione

L'Mpa: "Forse serve
un'altra maggioranza"


Articolo letto 478 volte

VOTA
0/5
0 voti

ars, lino leanza, lombardo, Mpa, regione siciliana, Politica
Il capogruppo dellMpa allArs Lino Leanza

Il capogruppo dell'Mpa all'Ars Lino Leanza



“Non si può pensare che il presidente Lombardo venga costantemente condizionato ogni volta che mette mano all'azione riformatrice dell'isola”. I fuochi di guerra tra le varie anime della maggioranza non si spengono. A lanciare messaggi bellicosi, oggi, è Lino Leanza, capogruppo dell'Mpa all'Assemblea regionale siciliana. Secondo l'esponente autonomista, dunque, se gli alleati continueranno ad attaccare ogni provvedimento dell'esecutivo “può darsi che bisognerà trovare una maggioranza alternativa”.
Un'ipotesi già avanzata ieri dal senatore Giovanni Pistorio che aveva avvertito: “Lombardo prenda atto che gli pseudo alleati del Pdl siciliano intendono sovvertire il mandato popolare e bloccare l'innovazione. Azzeri la giunta, frutto di un'alleanza che nei fatti non esiste più e dia vita ad un governo istituzionale”. L'idea, insomma, sarebbe quella di creare una nuova compagine di governo, aperta a pezzi dell'Udc, del Pd e del Pdl.
Prese di posizione che fanno seguito alle pesanti parole pronunciate dal presidente dell'Ars, Francesco Cascio, all'indirizzo del capo dell'esecutivo, subito dopo la riunione di giunta che ieri ha sancito il siluramento di Marcello Gualdani, manager vicino al capo del Parlamento, dalla poltrona più alta dell'Iacp di Palermo. Una decisione che Cascio ha preso malissimo. “Evidentemente, Lombardo vuole una guerra nucleare” aveva commentato a caldo, annunciando una eventuale denuncia per abuso di potere. Oggi, l'ipotesi viene ridimensionata. A contestare la nomina, infatti, non potrebbe certo essere il presidente dell'Ars bensì, eventualmente, il diretto interessato. Il presidente Cascio, dal canto suo, tenta di smorzare i toni: “In questo momento, una crisi irreversibile farebbe subire alla Sicilia una ferita insanabile”.
Anche dal Pd, dopo qualche segnale di apertura, arrivano commenti cauti. E' il parlamentare democratico Giuseppe Lupo a fissare paletti: “Nessun accordo è possibile con chi è alleato alla Destra di Storace. Lombardo dica chiaramente cosa vuole fare”.